Susanna vuol dire fiducia

Ogni volta che vedrete questa giornalista (che risponde al nome di Susanna Petruni) condurre il TG1, sappiate che la sua promozione alla conduzione è avvenuta sotto la gestione di Clemente J. Mimun, l’uomo che al TG1 censurava anche Berlusconi pur di salvaguardare l’immagine di Berlusconi, e che poi è stato promosso alla direzione del TG5 (ma và?).

Pochi mesi prima della sua promozione, la Petruni produsse un servizio (di cui non trovo traccia su YouTube – e la cosa non mi stupisce, ma ha fatto storia ed ès tato minuziosamente analizzato da Articolo 21) che si può definire indegno anche della Pravda1 . Era un resoconto del discorso del luglio 2003 che Berlusconi tenne all’Europarlamento aprendo il semestre di presidenza europea2 .

Ebbene, quel giorno Berlusconi, mostrando ancora una volta di non avere una completa padronanza dell’italiano per capire le espressioni semantiche che lui stesso utilizza3 disse al capo dei socialisti europei, Martin Schultz, il quale gli aveva rivolto delle critiche e posto delle chiare domande (cui non risponderà perché scomode), che l’Italia è il Paese del sole e del mare (raffica di risate degli europarlamentari, presidente compreso, mentre Prodi, all’epoca presidente della Commissione, sprofonda dalla vergogna) e queste testuali parole:

Signor Schulz, so che in Italia c’è un produttore che sta montando un film sui campi di concentramento nazisti: la suggerirò per il ruolo di kapò. Lei è perfetto!

e poi

Sul conflitto di interesse a cui molto hanno fatto riferimento: bene, forse non siete a conoscenza del fatto che, in Italia, i giornali ma soprattutto le televisioni che ancora appartengono al mio gruppo e alla mia famiglia, sono tra i nostri più decisi critici. Perché? Evidentemente vi manca il sole dell’Italia; non siete venuti e non avete mai acceso una televisione italiana. […] Se questa è la forma di democrazia che intendete usare per chiudere la bocca al Presidente del Consiglio europeo, vi posso dire che dovreste venire come turisti in Italia, perché qui sembrate turisti della democrazia.

Dare del kapò ad un socialista e dei “turisti della democrazia” ai parlamentari europei. Assurdo. E non si è mai scusato. Un po’ come l’abbronzato di Obama qualche tempo fa.

Ebbene Susanna Petruni confezionò un servizio nel quale riassumeva con la sua propria voce i punti del discorso di Berlusconi, omettendo tutta questa vergogna, e anzi togliendo la voce allo stesso Berlusconi. Quello schifo, che ebbe un enorme risalto in tutta Europa, al TG1 non fu mai dato. (E non fu l’unico servizio della Petruni pieno di “omissioni”).

La Petruni calpestò le regole deontologiche del suo mestiere (il giornalismo) e pochi mesi dopo verrà promossa alla conduzione. Quando la vedrete in tv, ricordatevene e pensate in che stato è l’informazione in Italia.

  1. Il giornale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica che non pubblicava mai notizie vere. []
  2. Non preoccupatevi, almeno fino al 2014 non ci capiterà più – Purtroppo ci tocca il G8 e incrociamo le dita []
  3. E questa come mi è venuta? []
Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

6 Comments

  1. Bhe non mi sorprende la bella apertura del tg1 che ha fatto ieri sventolando gli indici auditel dopo il terremoto…
    Certa gente va radiata dall’albo dei giornalisti… Il giornalismo è morto, rimane solo la rete.

  2. Bhe non mi sorprende la bella apertura del tg1 che ha fatto ieri sventolando gli indici auditel dopo il terremoto…
    Certa gente va radiata dall’albo dei giornalisti… Il giornalismo è morto, rimane solo la rete.

  3. @Luca: Più che altro il giornalismo è diventato il cane da compagnia del potere, e l’unico sprazzo di dignità credono di trovarlo nell’autocompiacimento. Pensano: “ci guardano tutti, siamo bravi”, giusto per non pensare al fatto che abbiano reso questa professione indegna.

    @Lorenzo: Eh, li conosco… e tu pensa che questa qui potrebbe essere promossa alla direzione del TG2…

  4. @Luca: Più che altro il giornalismo è diventato il cane da compagnia del potere, e l’unico sprazzo di dignità credono di trovarlo nell’autocompiacimento. Pensano: “ci guardano tutti, siamo bravi”, giusto per non pensare al fatto che abbiano reso questa professione indegna.

    @Lorenzo: Eh, li conosco… e tu pensa che questa qui potrebbe essere promossa alla direzione del TG2…

Comments are closed.