Il senso de La Stampa per i lavori scadenti

Negli ultimi giorni ho visto persone che seguo che se la prendono con La Stampa. L’ultimo è Paolo Attivissimo che ha segnalato che il foglio torinese per eccellenza ha ripreso un articolo del 2015 prodotto dal sito satirico The Onion.

Prima ancora però era arrivato .mau., a segnalare un’infografica di Centimetri per La Stampa che corredava un articolo “corretto e comprensibile”.

Come dice già .mau., è un’infografica fuorviante e non serve essere dei geni per capire che qualcosa non va. Fossi stato il redattore, l’avrei rispedita al mittente per rifargliela fare (e in effetti in precedenti esperienze lavorative ho rispedito al mittente contenuti anche meno problematici di questo).

Molto più corretto sarebbe stato fare una mappa coropletica come la seguente. Questa l’ho fatta io in una mezz’oretta, per esercizio. Dal momento che io ho 14 anni di esperienza in meno rispetto a Centrimetri, forse qualcosa di meglio potevano produrlo.

Anche le visualizzazioni di dati soffrono degli stessi bias dei “normali” articoli di giornale, e il processo di revisione dovrebbe essere lo stesso. Come i normali articoli, anche le infografiche, pur partendo dagli stessi dati, dagli stessi fatti, possono giungere a conclusioni diverse.

Qui però siamo a livelli di un articolo scritto grammaticalmente male.

E poi La Stampa si lamenta del fatto che la giunta comunale del sindaco Appendino sta facendo un lavoro scadente. E chiede aiuto al resto del Paese. E 1,50 euro a settimana per sostenere il giornalismo di qualità.

E il direttore de La Stampa si appella a un Paese che comunque, a sua volta, sta facendo un lavoro scadente.

Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9). [jetpack-related-posts]

Mini-dossier Autostrade, grafici, dati e altri pensieri

Nei giorni scorsi ho pubblicato per Termometro Politico un mini-dossier sulle autostrade e su Autostrade per l’Italia in particolare. È in tre parti, e quello che interessa in questa sede è l’ultimo: Le Autostrade come bancomat di Stato; Le Autostrade come gallina dalle uova d’oro per i privati; Il caso Autostrade per l’Italia; Nell’ultimo ci…

“È naturale che la gente non voglia la guerra”, secondo Göring

Sta girando su Facebook la foto di una pagina di un libro con una citazione (riportata in calce a questo post) di Hermann Göring. A furia di scaricare e ricaricare la foto “per far credere ai miei amici che l’ho scattata io”, si è persa la fonte (se mai c’è stata) del libro, rendendo più…

Come l’ultima volta che proposero di costruire motovedette volanti

Le cronache di quel Paese raccontano che una volta c’era un politico che promise che avrebbe dotato la Guardia Costiera di motovedette volanti per fermare tutti i possibili disturbi genetici che incombevano da oltremare sul suo Paese. Un giorno questo politico fu finalmente eletto e finalmente poté scrivere questo decretino che avrebbe dotato la Guardia…

La deficienza artificiale applicata al copyright

Grazie al blocco di Wikipedia un po’ di persone sono venute a sapere di una riforma europea del diritto d’autore che presenta criticità che rischiano di rompere internet come lo conosciamo oggi e di creare seri problemi alla diffusione della conoscenza e del libero pensiero. Oggi, 5 luglio, il Parlamento Europeo deciderà se procedere alla fase…

Prima delusione, poi frustrazione, e poi…

Grillini e populisti hanno sempre avuto problemi con la logica e la dialettica, e questo è probabilmente uno dei motivi del loro successo elettorale. Non avendo avuto bisogno di affrontare i fatti e la realtà, essendo all’opposizione, si sono abituati a dire qualunque cosa, anche la più stupida, respingendo ogni critica dall’alto di una superiorità…

Zuckerberg conferma: sei un idiota, stacci (su Facebook)

Nel post precedente dicevo che Facebook sta tentando (a parole) di fare due cose incompatibili tra loro: migliorare il mondo mettendo in connessione le persone (fisiche e giuridiche) e fare un sacco di soldi. In un’intervista a Vox Mark Zuckerberg dice un paio di cose meravigliose, che confermano l’idea che il capo di Facebook consideri…

Facebook, Cambridge Analytica e le anatre

Nella programmazione informatica c’è uno stile che si chiama duck-typing, un concetto che si rifà a questa idea: se cammina come un’anatra, nuota come un’anatra e starnazza come un’anatra, molto probabilmente è un’anatra. In programmazione questo significa che tu scrivi il tuo programma per computer senza preoccuparti in anticipo degli errori: se il programma fa…