Terremoto a l’Aquila, e il TG1 diventa duepuntozero

Susanna Petruni, anchorwoman del tg delle 13:30, annunciava quasi con orgoglio che i primi a dare l’allarme del terremoto a L’Aquila sono stati i radioamatori.

Immagino il travaglio in redazione: la Petruni, mentre preparava la scaletta, si accorgeva di non riuscire a leggere Twitter1 e rimbrottava i colleghi. «Ma che cacchio è sta roba? Tvitter, Tvittre… ma una cosa normale non c’è?».

M’immagino stanotte qualcuno alla redazione del TG1, che scruta l’etere alla ricerca di notizie, finire sulle frequenze di qualcuno che parlava del terremoto e lanciare l’edizione straordinaria, verso le sei del mattino.

Se uno avverte una scossa di terremoto nel corso della notte, deve accendere la tv e aspettare facendo zapping un’edizione straordinaria del TG o guardare sul televideo, sempre che sia attivo e sempre che si legga. Non deve permettersi di prendere l’iPhone dal comodino e controllare se qualcuno sta lasciando una nota su Twitter o su FaceBook. Al massimo, e proprio se ha il televisore guasto, deve accendere la radio e cercare qualche radioamatore.

Internet deve rimanere un fenomeno di costume, non sia mai venga fuori che sono in grado di fare concorrenza ai media mainstream. Ci sarà un motivo se tutti vogliono comprare Twitter…

(Ah, il Corriere della Sera, intanto, si diverte a riciclare foto dei terromoti in Turchia e in Cina, “rubandole” da Flickr).

  1. Qualche giorno prima era riuscita a storpiare il nome di Rudy Guede, pur dopo mesi di grancassa mediatica sul delitto di Perugia. []
Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

16 Comments

  1. Occhio, anch’io ho fatto la stessa riflessione. Però considera che le linee telefoniche sono interrotte nella provincia dell’Aquila. E qualcuno avrà riciclato i baracchini.

    A me ha scandalizzato più la domanda della Petruni: “qual è la situazione a l’Aquila?”. Qui censuro la mia, di risposta.

    P.s. Al TG1 ES hanno ora parlato di Twitter.

  2. Occhio, anch’io ho fatto la stessa riflessione. Però considera che le linee telefoniche sono interrotte nella provincia dell’Aquila. E qualcuno avrà riciclato i baracchini.

    A me ha scandalizzato più la domanda della Petruni: “qual è la situazione a l’Aquila?”. Qui censuro la mia, di risposta.

    P.s. Al TG1 ES hanno ora parlato di Twitter.

  3. Nota 1: i radioamatori non li ascolti con una normale radio.
    Nota 2: i radioamatori hanno a disposizione infrastrutture di comunicazione flessibili che si rivelano particolarmente efficaci in caso di disastri naturali. Inoltre collaborano con la protezione civile.

    Se si parla di dare l’allarme, un insieme di messaggini su Twitter e Facebook ha un valore tattico pari a zero…

  4. Nota 1: i radioamatori non li ascolti con una normale radio.
    Nota 2: i radioamatori hanno a disposizione infrastrutture di comunicazione flessibili che si rivelano particolarmente efficaci in caso di disastri naturali. Inoltre collaborano con la protezione civile.

    Se si parla di dare l’allarme, un insieme di messaggini su Twitter e Facebook ha un valore tattico pari a zero…

  5. P.S.: se invece per “allarme” intendiamo l’informazione che il singolo individuo può ricavare da una “cloud” di fonti, come indicato nel post linkato, sono d’accordo che il sistema è molto utile (nonostante i problemi di SNR).

  6. P.S.: se invece per “allarme” intendiamo l’informazione che il singolo individuo può ricavare da una “cloud” di fonti, come indicato nel post linkato, sono d’accordo che il sistema è molto utile (nonostante i problemi di SNR).

Comments are closed.