Due economisti (e l’economia in generale)

Servono due premesse che sono più lunghe delle poche parole che merita il secondo, ma sono indispensabili per capire il mio giudizio.

Premessa numero uno: io sono persona che per carattere rifugge i complimenti. Quando con tocco, toga e diploma in mano andai a salutare i miei genitori che assistevano in platea, vidi mio padre visibilmente commosso, non ebbi esitazioni nel chiedermi cosa avessi fatto di straordinario da meritare una simile commozione (ma la lacrima facile è genetica, la faceva pure suo padre e capita pure a me): una laurea, dopotutto, è un inizio, non una fine. Quando qualcuno mi fa i complimenti per il blog, per un articolo, per un discorso, per un tweet, io ringrazio, ma penso di aver fatto solo il mio dovere, e neanche chissà quale grande dovere, almeno dal mio punto di vista. Addirittura, quando qualcosa che ho scritto è particolarmente apprezzato e arrivano lodi sperticata, il mio carattere mi fa pensare male.

Premessa numero due: l’economia non è una scienza astratta come la matematica, per cui non è esatta. Parla di miliardi di persone in vario modo interconnesse di cui i mercati sono solo un termometro (perché i mercati siamo noi, caro Santoro, ma ne parliamo in un altro articolo): l’impossibilità di controllare esattamente i mercati (sia dai governi che dagli speculatori inesistenti) è fortemente connessa con l’impossibilità di controllare esattamente la gente (e da qui il fallimento delle economie centralizzate e pianificate). Quando si mette in moto una certa riforma, è impossibile prevederne esattamente gli effetti. Il mercato del lavoro finlandese non può essere brutalmente trapiantato in Uruguay; il sistema economico del nord Italia non può essere replicato esattamente e istantaneamente nel sud Italia (questo è il motivo delle cattedrali nel deserto, questo è uno dei pesi che gravavano su Termini Imerese); è per questo motivo che la mafia (nella fattispecie la’ndrangheta soprattutto) si muove diversamente quando è in Calabria, a Milano o in Germania. L’economia è un immenso, infinito prova e correggi, ed è per questo che io credo fermamente che l’economia debba essere lasciata alla libera iniziativa della gente, perché è la gente che sa cosa è meglio per sé stessa, mentre lo Stato deve riservarsi il ruolo di arbitro e regolatore degli eccessi perché la libertà non può e non deve trasformarsi in giungla dove vince il più forte, poiché essa divora sé stessa. In altre parole il mercato, lasciato a sé stesso, crea ineguaglianze, le quali creano (prima che ingiustizie), delle inefficienze.

Questo problema degli eccessi era già noto ad Adam Smith, che contrariamente alla vulgata di certa gentaglia, tipo i fascisti ignoranti di cui sopra, alla povera gente, i lavoratori, specie i propri compatrioti scozzesi, ci teneva. Leggete, per esempio, la conclusione del capitolo 11 del libro I de La Ricchezza delle Nazioni, si parla di «an order of men […] who have generally an interest to deceive and even to oppress the public, and who accordingly have, upon many occasions, both deceived and oppressed it»; oppure nel capitolo 8: «No society can surely be flourishing and happy, of which the far greater part of the members are poor and miserable.» Geez, ma questo è Marx!

L’errore stava nella soluzione: a risolvere inefficienze e ingiustizie doveva essere il mercato stesso, cioè gli imprenditori, cioè la mano invisibile. Una scemenza, e Smith se ne sarebbe accorto perché era uomo molto pratico (come un economista deve essere); però Smith non se ne accorse e non poté correggersi: era ormai vecchio e preda di lodi sperticate (il primo ministro inglese Pitt, quello giovane, e uno dei più grandi, non finiva mai di ricordargli che “qui siamo tutti tuoi discepoli”), e questo non aiuta a correggersi. Un altro economista inglese, tempo dopo, farà tesoro di quella lezione, e dirà: “Quando la realtà cambia, io cambio le mie opinioni. Lei cosa fa, signore?”. Quel signore era Keynes, ed è ancora oggi uno dei più grandi.

Date queste premesse immaginate come mi sia sentito quando queste persone mi hanno chiesto un’opinione su un tizio che dichiara essere “il più autorevole economista fuori dal coro”. Analizziamo questa affermazione:

  • più autorevole“. Viviamo in un’epoca in cui Smith è stato in buona parte demolito, Keynes non si sente bene, Friedman non si sente bene, Marx è morto (nonostante negli ultimi tempi lo si stia ritirando fuori dalla tomba in modo improprio1 , insomma, gli economisti più autorevoli (secondo altri) della Storia economica scricchiolano; gli economisti più autorevoli (secondo altri) degli ultimi anni (tipo Greenspan) fanno meglio a non mettere becco fuori casa; gli economisti (sempre secondo altri) di oggi (tipo Bernanke o Roubini) non lesinano le fesserie accanto a cose corrette. E all’improvviso esce fuori questo tizio che si definisce “il più autorevole”. Non gli altri: si definisce da solo. E qui scatta l’allarme Smith: chi si loda s’imbroda;
  • fuori dal coro“. Quale coro? L’economia non è scienza esatta, e l’immagine del coro è una sonora sciocchezza. Ogni economista troverà punti in cui essere d’accordo e punti con cui essere in attrito con un altro (tipo Giannino ed io). L’economia è il brusio di una folla in un luogo chiuso pieno di gente, e al massimo ci sono tanti cori (tutti stonati, per altro: per esempio ci sono keynesiani che non sopportano i krugmaniani, che poi sono gli ultrakeynesiani, un coro nel coro), mica uno solo.

Il risultato lo leggo nei suoi articoli. Accanto a poche questioni corrette, ce ne sono altre che non stanno in piedi per via di premesse che non quadrano, altre che sono solo fesserie, altre ancora sono semplicemente populismo spicciolo che fa tanto Beppe Grillo o Nichi Vendola (ma senza la verve del primo e la rimbombante soavità del secondo).

Quando leggete di economisti, me compreso, non prendete tutto per oro colato, usate la vostra testa e riflettete. Quando però leggete di economisti che si autolodano e si credono gesucristi, riflettete ancora di più: tutti gli economisti possono sbagliare, ma chi si presenta come questo economista qui è meno capace di riconoscere i propri errori, e per questo rischia di sbagliare più spesso. Perseverando, magari.

L’autorevolezza di un economista si riconosce solo quando finisce nella tomba. E spesso solo temporaneamente: perché la società cambia e così cambia l’economia (sia pure a velocità diverse).

(Non so di chi sia la foto, se possibile fatemelo sapere, ma ho creduto essere necessario usarla contravvenendo alle mie stesse regole per dimostrare in modo visivo e crudo come siamo caduti in basso)

  1. Qui si aprirebbe un discorso enorme, che sintetizzo per carità di patria: già di per sé Marx è largamente contraddittorio, per cui nei suoi scritti chiunque può trovarci qualcosa di interessante e infatti non si contano i movimenti che alle sue idee si ispirano; ma la critica di Marx si rivolgeva ad un tipo di filosofia economica che già stava tramontando e che sarà demolita non solo da altri economisti, ma pure dai marxisti stessi; nel corso dei decenni i pilastri su cui si reggeva la teoria economica di Marx sono crollati sotto i colpi sia di amici che di nemici; a far crollare il castello tenuto ancora in piedi dai successivi marxisti pensò poi, tra gli altri, Popper. Per questo affermo che riesumare Marx è improprio: non solo la società in cui si trovava Marx non esiste più, ma il capitalismo, la cui caduta è evento certamente possibile, ma tuttora improbabile, ha dimostrato un’elasticità fortissima, ed una elevata capacità di adattamento alle nuove teorie economiche e ai nuovi sentimenti della società contemporanea (una volta era normale, dopotutto, che i bambini lavorassero o che vi fossero degli schiavi, oggi lo riteniamo mostruoso), diventando un capitalismo nuovo, diverso da quello criticato da Marx. Per questo ritengo che riesumare Marx sia improprio, e di conseguenza una fesseria parlare di “venuta del comunismo” il quale richiede, oltre ad un impianto teorico economico più solido di quello fornito da Marx, una non indifferente evoluzione della natura umana: l’uomo di oggi è diverso da quello del 1800, ma non così tanto. Ben venga una critica e un’alternativa al capitalismo, anche ispirata da Marx, ma che non sia marxista. []
Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

6 Comments

  1. “In Italia esistono due categorie di fascisti: i fascisti e gli antifascisti” (Ennio Flaiano)

  2. Per pensare con la propria testa a riguardo di una cosa così complessa come l’economia, ci vuole una laurea.
    Visto che è impossibile laurearci tutti in economia, e visto che guru son tutti e guru non lo è nessuno (tutti dicono il contrario di tutto, e solo un economista può capire chi dice il vero e chi no), ogni povero diavolo si scelga il suo economista preferito e continui ad annuire a qualsiasi cosa dice :/

  3. Bentrovato 🙂

    >Delle tua vignete di formula mezza non ne ho capita nemmeno “mezza”

    Nemmeno io 😉

    Però al momento sto solo scaldando i motori con strisce random, se riesco l’anno prossimo cercherò di essere più organico (è uno hobby, dopotutto).

Comments are closed.