Libia, la via diplomatica è stata tentata, eccome!

Nei commenti all’articolo di stamattina, Gianluca, come Strada, chiede:

si è proprio fatto tutto il possibile per evitare una guerra?

La risposta articolata la dà il Post, ed è un sì:

[…] molto è stato tentato: Gheddafi è stato avvertito più volte, le violenze sono state condannate dalla comunità internazionale e dalla Lega Araba, gli inviti a cessare il fuoco e aprire un negoziato con i ribelli sono stati molti e ripetuti. Molti paesi hanno congelato i beni di Gheddafi, il 27 febbraio l’ONU ha approvato un primo pacchetto di sanzioni economiche e politiche. La stessa no-fly zone non è stata operativa per venti ore, subito dopo l’autorizzazione dell’ONU: e il cessate il fuoco annunciato subito dalle forze di Gheddafi si è rivelato essere un bluff. Di fatto, la comunità internazionale ha esaurito le armi diplomatiche a sua disposizione e, come abbiamo detto prima, questo sforzo rischia di aver compromesso l’efficacia dell’intervento militare. Solo Gheddafi, in questo momento, può decidere se e quando aprire un negoziato con i ribelli e la comunità internazionale.

In breve, si è tentata così tanto la via diplomatica che la via militare, usata come extrema ratio, rischia di essere inefficace.

Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9). [jetpack-related-posts]

One Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *