Uno si chiede a che servano le tasse

AnimatsragdollphysicsL’OCSE ha rilasciato delle statistiche che rilevano che la pressione fiscale in Italia resta a livelli molto elevati, da Paese scandinavo: una pressione fiscale maggiore, infatti, si ha solo in Danimarca e Svezia, e subito sotto l’Italia1 troviamo Finlandia e Norvegia, tutti sopra il 40%. Subito dopo c’è il Messico.

E pensando al Messico m’è scattata la molla: questa notizia fa il paio con quest’altra, risalente a giugno, secondo la quale la qualità della Pubblica Amministrazione in Italia è a livelli bassissimi, visto che siamo novantasettesimi, sotto la Turchia (96) e sopra, appunto, il Messico (98). Peggio di noi fra i Paesi “avanzati” solo l’amatissima Russia.

In altre parole, nonostante un prelievo fiscale che si porta via quasi la metà della ricchezza prodotta nel Paese, ci ritroviamo con servizi paragonabili a quelli di Paesi con cui non vorremmo paragonarci.

E ai piani alti non trovano di meglio da fare che denunciare Report perché denuncia porcate varie (che le elenco a fare) che minano ogni giorno i conti pubblici.

Oh, suvvia.

  1. A parte Belgio, Australia e Francia. []
Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

One Comment

  1. Too, MAGARI fossimo al 43,5%! E’ come la barzelletta della disoccupazione al 9% o dei mutui non pagati per il 5%. In realtà, stando nel commercio ti posso dire che la pressione fiscale complessiva supera il 60%!

Comments are closed.