Due parole sulla questione Grillo e la censura di Google Italia

Questo articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione.

Non ne volevo parlare, ma visto che ho ricevuto un certo numero di visite da Google per parole chiave come “google italia censura” o “beppe grillo censura”, ho deciso di spendere due parole sul caso, anche perché ho appena finito di commentare una risposta abbastanza pertinente.

Antefatto: oggi Beppe Grillo ha denunciato sul suo blog che nei suggerimenti di Google (quelli che appaiono mentre scriviamo nel motore di ricerca) il suo nome non appare. Questo accade solo su Google Italia, ma non su Google.com (quello originale, insomma). Aggiungo io che l'”anomalia” non si manifesta su Google France e Google Deutschland (Germania).

Premessa: Non mi ritengo un grillino, né tanto meno lobotomizzato, non uso la biowashball, la mia home page è quella predefinita di Ubuntu e sul blog di Grillo ci vado se mi avvisa il mio lettore di feed1 o se faccio una ricerca su google.

Una prima risposta abbastanza pertinente contro Grillo la trovate presso Paul the wine guy, che bolla tutto come una scemenza (come al solito, lo fa in modo caustico2 ). La teoria di Paul è, sostanzialmente, che Grillo non appare perché nessuno lo cerca (o almeno non lo fa nell’ultimo periodo, secondo quanto lui afferma).

A Paul ho risposto quanto segue: «La tua ipotesi non mi sembra reggere. Cominciamo con il dire che non sembri aver capito: Grillo non appare dopo Severgnini o Belen, non appare affatto. Ancora, non vedo come mai su google.com, google.fr e google.de (questi ho provato) tutto sia “nella norma”.

Ho dato un’occhiata ai trend di Beppe Grillo, Marco Travaglio, la Repubblica e Corriere della sera (ho provato anche altri, in verità, come Silvio Berlusconi, Walter Veltroni, etc. e il risultato era lo stesso)

Travaglio è sotto Grillo, mentre i due quotidiani sono sopra Grillo, a parte un paio di picchi. Iniziando a digitare le chiavi di ricerca, basta scrivere Marco o Trav per ritrovarcelo al secondo posto dei suggerimenti; “la re” da come primo risultato la repubblica; scrivendo “corriere d” ecco spuntare il corriere della sera al primo posto. Grillo non appare proprio mai, da “b” a “beppe grillo”; addirittura scrivendo “Grillo” l’unico suggerimento è tal “grillofer”. Addirittura Grillo non viene fuori se scrivo: blog grillo. Eppure appare fra le top searches!

Poi mi leggo un po’ le FAQ3 e trovo: “For example, Google Suggest uses data about the overall popularity of various searches to help rank the refinements it offers.” Tu come la traduci questa frase?»

Insomma, Google trova tranquillamente tutti quanti, ma non Grillo, neppure scrivendo il nome completo. E questo sembra accadere solo in Italia. Ancora, Google non sembra, almeno nelle intenzioni, dare un peso all’ultimo periodo, ma anche alla popolarità totale (sarebbe sciocco se non lo facesse). Il passato recente è, certamente, utile per Google Suggest (e per questo troviamo Beppe Quintale o Belen, che hanno partecipato all’ultima edizione de L’Isola dei Famosi): ma molti degli altri “Beppe” suggeriti proprio non riesco a spiegarmeli.

Il seguente esempio è ancora più assurdo: se scrivo ‘Be’, non appare Beppe Grillo e neppure Berengario, ma appare Belen Rodriguez. Se invece scrivo ‘Berengar’, ecco spuntare Berengario, ma se scrivo ‘Beppe Gril’, il “nostro” non compare manco di striscio. Anche Berengario è più popolare di Beppe Grillo? O.O

Una censura “morbida” di questo tipo, parlando da markettaro, è abbastanza interessante: l’obiettivo non è il grillino, l’utente già conquistato che ogni giorno va sul blog di Grillo, bensì l’utente casuale, l’italiano medio più televisione che internet, che un giorno, magari cercando foto di Belen nuda si ritrova fra i suggerimenti Beppe Grillo e spinto dalla curiosità clicca e si ritrova sul blog di Grillo, e magari diventa grillino pure lui. Essì, perché, come insegnano i manuali, il visitatore casuale è più profittevole di quello abituale.

Infine, mi stupisce che Grillo non abbia citato la causa che contrappone Mediaset a Google sui video YouTube: potrebbe essere una adeguata moneta di scambio. 😉

Qualche spiegazione (su basi oggettive, sia chiaro)?

Aggiornamento 29 dicembre 2008, 14:30: In questo momento la situazione è “corretta” (diciamo così). Scrivendo Beppe, il primo risultato è Beppe Grillo, mentre scrivendo Beppe G appaiono solo (meno un tal “Beppe Gambetta”) suggerimenti riguardanti Beppe Grillo.

  1. Che, per la cronaca, contiene anche diversi blog filoberlusconiani e/o antidipietristi []
  2. L’anonimato permette anche questo []
  3. di Google Suggest []
Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

31 Comments

  1. come dicono le FAQ linkate da Paul:
    «explicit porn words as well as queries that lead to porn sites, dirty words, hate and violence terms.»

    il fatto che Grillo sponsorizzi un V-Day (espandi V per intuire quale parola possa essere stata “censurata”) mi sembra un buon motivo per escludere l’intero sito dalla ricerca “non filtrata” (come quella di Suggest). prova ad esempio a cercare “Beppe Grillo” tra le immagini di google (in italiano, senza SafeSearch). a me non da l’header del blog (il cui url è:
    http://www.beppegrillo.it/images/grillo4.jpg, dubito che non lo riconosca)

    segnalo soprattutto che:
    «If you are aware of queries that should not be suggested, please let us know at the Google Web Search Help group.»

    Grillo ha preferito alzare un polverone che chiedere spiegazioni di carattere tecnico a Google. e i suoi lettori giù a gridare alla censura. e questa dovrebbe essere la “contro-informazione”. siamo in buone mani…

  2. come dicono le FAQ linkate da Paul:
    «explicit porn words as well as queries that lead to porn sites, dirty words, hate and violence terms.»

    il fatto che Grillo sponsorizzi un V-Day (espandi V per intuire quale parola possa essere stata “censurata”) mi sembra un buon motivo per escludere l’intero sito dalla ricerca “non filtrata” (come quella di Suggest). prova ad esempio a cercare “Beppe Grillo” tra le immagini di google (in italiano, senza SafeSearch). a me non da l’header del blog (il cui url è:
    http://www.beppegrillo.it/images/grillo4.jpg, dubito che non lo riconosca)

    segnalo soprattutto che:
    «If you are aware of queries that should not be suggested, please let us know at the Google Web Search Help group.»

    Grillo ha preferito alzare un polverone che chiedere spiegazioni di carattere tecnico a Google. e i suoi lettori giù a gridare alla censura. e questa dovrebbe essere la “contro-informazione”. siamo in buone mani…

  3. @valepert: Attivo Safesearch al massimo livello, in modo da filtrare sia contenuti che immagini, vado su Google Italia, cerco Beppe Grillo e lo trovo al primo posto. Cerco vaffanculo e lo trovo al terzo posto (per non dire dei precedenti). Decisamente la teoria della ricerca sicura non sta in piedi. Oltre ad essere ridicola, sia chiaro: la rete è stracolma di parolacce, ci sono siti pieni di vaffanculo (se scrivo vaffa, Google mi suggerisce addirittura vaffanculo.it!)

    Sull’immagine, il suo nome è “grillo4”, mentre è più che ovvio che all’inizio dell’indice vi siano quelle che si chiamano o contengono il nome per intero.

    Probabilmente la spiegazione tecnica arriverà (o forse no, visto che a MV non sono maestri di trasparenza, quando si parla di algoritmi): quello che è quantomeno curioso è che lo spider abbia tralasciato Grillo proprio sulla pagina cui si viene redirezionati nel caso stessimo usando un browser in lingua italiana.

  4. @valepert: Attivo Safesearch al massimo livello, in modo da filtrare sia contenuti che immagini, vado su Google Italia, cerco Beppe Grillo e lo trovo al primo posto. Cerco vaffanculo e lo trovo al terzo posto (per non dire dei precedenti). Decisamente la teoria della ricerca sicura non sta in piedi. Oltre ad essere ridicola, sia chiaro: la rete è stracolma di parolacce, ci sono siti pieni di vaffanculo (se scrivo vaffa, Google mi suggerisce addirittura vaffanculo.it!)

    Sull’immagine, il suo nome è “grillo4”, mentre è più che ovvio che all’inizio dell’indice vi siano quelle che si chiamano o contengono il nome per intero.

    Probabilmente la spiegazione tecnica arriverà (o forse no, visto che a MV non sono maestri di trasparenza, quando si parla di algoritmi): quello che è quantomeno curioso è che lo spider abbia tralasciato Grillo proprio sulla pagina cui si viene redirezionati nel caso stessimo usando un browser in lingua italiana.

  5. > cerco Beppe Grillo e lo trovo al primo posto.
    qua si sta parlando del fatto che non lo “suggerisca”, non che nasconda il suo sito (o similari) dai risultati. nulla ti vieta di digitarlo, premere invio e finire sul suo sito, ma il software “nessuno-pensa-ai-bambini” evita di sputartelo fuori come suggerimento. se lo vuoi cercare ti assumi tu la responsabilità di avere settato il SafeSearch su “moderate” (o ancora più blando) e di leggerti tutti i vaffa che vuoi.

  6. > cerco Beppe Grillo e lo trovo al primo posto.
    qua si sta parlando del fatto che non lo “suggerisca”, non che nasconda il suo sito (o similari) dai risultati. nulla ti vieta di digitarlo, premere invio e finire sul suo sito, ma il software “nessuno-pensa-ai-bambini” evita di sputartelo fuori come suggerimento. se lo vuoi cercare ti assumi tu la responsabilità di avere settato il SafeSearch su “moderate” (o ancora più blando) e di leggerti tutti i vaffa che vuoi.

  7. @valepert: Nu, se un sito è in black list, Google lo deve filtrare sia nei suggerimenti che nei risultati. L’ipotesi che Google utilizzi due database diversi (uno per la ricerca e uno per il suggest) mi sembra francamente assurda.

    Non hai però risposto all’obiezione maggiore: i vaffa sparati qua e là non sono un motivo per blacklistare qualcuno. Google non è il MoiGe. XD

  8. @valepert: Nu, se un sito è in black list, Google lo deve filtrare sia nei suggerimenti che nei risultati. L’ipotesi che Google utilizzi due database diversi (uno per la ricerca e uno per il suggest) mi sembra francamente assurda.

    Non hai però risposto all’obiezione maggiore: i vaffa sparati qua e là non sono un motivo per blacklistare qualcuno. Google non è il MoiGe. XD

  9. Almeno Grillo può giovarsi di una censura morbida. Su wikinotizie avete dimostrato come si fa censura dura: modificare gli articoli a cazxo perché su di un reportage non ci vanno i dati rilevati sul campo e quindi un addetto che dice quante firme ha fatto diventa ‘qualcuno dice che sta andando bene.

    Altro che Moige. Se poi si chiede come ho fatto io cosa significa allora giornalismo, guarda caso si blocca infinito. Poi non contento Stef Mec manda l’articolo in cancellazione perché al catto-berlusconiano di turno la cosa gli urta parecchio.

    Risultati: ‘suvvia’ non vorrai mica farti admin senza sapere che esistono le ricerche originali. Ehy, quello era un abuso di pagina di servizio. Siccome l’aveva fatto a me allora va tutto bene. E Leoman può porre blocchi a quanto gli pare. Il resto della cosidetta comunità tace o si accoda come Ilaria, ‘eh, oramai gli avevamo dato tante possibilità..’ ha cambiato idea giusto perché ho scritto un articolo e cercato un pò di buon senso nell’affrontarne eventuali dilemmi.

    Perché non dovrei definire un sito di ‘buffoni’ che agisce con metodi ‘fascisti’ wikinotizie? C’é una ragione per cui sarei in errore dicendo che un sito del genere andrebbe chiuso vista la manifesta disutilità?

    Per non dire poi degli articoli che al contempo tollerate, pieni di POV papa-governo-israele. Su quelli non una parola. E tu, caro Tooby, ti sei dimostrato pienamente all’altezza del tuo ultimo messaggio, un degno avviso mafioso al sottoscritto che d’ora in avanti non sarebbe stato protetto da chissà quali attacchi. Un sito che è penoso persino rispetto a Studio Aperto, un insulto al concetto di informazione ma sopratutto di ‘giornalismo’.

    Per non lasciarti del tutto a mani vuote di avviso che il governo ne ha fatta una delle sue, tanto che Bertolaso ha minacciato le dimissioni:

    ”Le cifre sono lì a dimostrarlo. In base alla Finanziaria 2009, i fondi a disposizione della Protezione civile passeranno dagli attuali 196 milioni di euro ai 50 previsti per il 2011, con un taglio di oltre 145,5 milioni di euro, che corrisponde ad un calo del 74%. Il decreto legge 112 prevede, infatti, lo stanziamento di 118 milioni per il 2009, di 111 milioni per il 2010 e di soli 50 milioni, appunto, per il 2011. Un taglio netto destinato a ridimensionare l’intera attività della Protezione civile, se si pensa che nel 2007 sono stati spesi oltre 124 milioni di euro solo per la gestione dei Canadair usati contro gli incendi boschivi.”

    Tanto per dare un esempio delle maialate che non verrano mai pubblicate su wikinotizie, che pensa a bloccare gli utenti perché non abbastanza conformisti e ruffiani.

  10. Almeno Grillo può giovarsi di una censura morbida. Su wikinotizie avete dimostrato come si fa censura dura: modificare gli articoli a cazxo perché su di un reportage non ci vanno i dati rilevati sul campo e quindi un addetto che dice quante firme ha fatto diventa ‘qualcuno dice che sta andando bene.

    Altro che Moige. Se poi si chiede come ho fatto io cosa significa allora giornalismo, guarda caso si blocca infinito. Poi non contento Stef Mec manda l’articolo in cancellazione perché al catto-berlusconiano di turno la cosa gli urta parecchio.

    Risultati: ‘suvvia’ non vorrai mica farti admin senza sapere che esistono le ricerche originali. Ehy, quello era un abuso di pagina di servizio. Siccome l’aveva fatto a me allora va tutto bene. E Leoman può porre blocchi a quanto gli pare. Il resto della cosidetta comunità tace o si accoda come Ilaria, ‘eh, oramai gli avevamo dato tante possibilità..’ ha cambiato idea giusto perché ho scritto un articolo e cercato un pò di buon senso nell’affrontarne eventuali dilemmi.

    Perché non dovrei definire un sito di ‘buffoni’ che agisce con metodi ‘fascisti’ wikinotizie? C’é una ragione per cui sarei in errore dicendo che un sito del genere andrebbe chiuso vista la manifesta disutilità?

    Per non dire poi degli articoli che al contempo tollerate, pieni di POV papa-governo-israele. Su quelli non una parola. E tu, caro Tooby, ti sei dimostrato pienamente all’altezza del tuo ultimo messaggio, un degno avviso mafioso al sottoscritto che d’ora in avanti non sarebbe stato protetto da chissà quali attacchi. Un sito che è penoso persino rispetto a Studio Aperto, un insulto al concetto di informazione ma sopratutto di ‘giornalismo’.

    Per non lasciarti del tutto a mani vuote di avviso che il governo ne ha fatta una delle sue, tanto che Bertolaso ha minacciato le dimissioni:

    ”Le cifre sono lì a dimostrarlo. In base alla Finanziaria 2009, i fondi a disposizione della Protezione civile passeranno dagli attuali 196 milioni di euro ai 50 previsti per il 2011, con un taglio di oltre 145,5 milioni di euro, che corrisponde ad un calo del 74%. Il decreto legge 112 prevede, infatti, lo stanziamento di 118 milioni per il 2009, di 111 milioni per il 2010 e di soli 50 milioni, appunto, per il 2011. Un taglio netto destinato a ridimensionare l’intera attività della Protezione civile, se si pensa che nel 2007 sono stati spesi oltre 124 milioni di euro solo per la gestione dei Canadair usati contro gli incendi boschivi.”

    Tanto per dare un esempio delle maialate che non verrano mai pubblicate su wikinotizie, che pensa a bloccare gli utenti perché non abbastanza conformisti e ruffiani.

  11. @SM: Spiacente, io non ti ho minacciato di nulla. Ho solo avvisato che mi sarei astenuto dal difenderti a oltranza, mi pare di ricordare. Non ti abbiamo chiesto la luna, né di stare zitto.

  12. @SM: Spiacente, io non ti ho minacciato di nulla. Ho solo avvisato che mi sarei astenuto dal difenderti a oltranza, mi pare di ricordare. Non ti abbiamo chiesto la luna, né di stare zitto.

  13. Complimenti per il tuo articolo, ma ti volevo dare un suggerimento: questo fenomeno accade su Yahoo , su Live e su altri motori di ricerca? Allora Google censura grillo? Si apre uno piraglio interessante 😉
    PS grazie per i tuoi commenti sul mio blog

  14. Complimenti per il tuo articolo, ma ti volevo dare un suggerimento: questo fenomeno accade su Yahoo , su Live e su altri motori di ricerca? Allora Google censura grillo? Si apre uno piraglio interessante 😉
    PS grazie per i tuoi commenti sul mio blog

  15. E no caro, non te la cavi così. Le regole per isolare e far fuori qualcuno ‘malvisto’ sono queste, si applicano a me come a Falcone: gli amici ti dicono ‘mi sono esposto troppo per difenderti’ e ti lasciano solo, ti fanno terra bruciata e poi ti fanno ammazzare. Che io sia Falcone o un pincopallino qualunque su di un qualunque posto di lavoro non cambia nulla.

    Ricostruire i fatti è semplice: io mi sono fatto caso che wikinotizie va avanti per merito quasi esclusivo di L.H., e va bene; porto cifre e fatti a sostanziarlo: mi si dice di stare zitto che rompo; dopo 10 giorni torno e rimarco che la situazione è anche peggiorata e chiedo IMPEGNO anche agli admin per rianimare l’Ns0 invece di farlo diventare opera di un solo per quando valido utente possa essere; Tosto Leoman mi mette nei problematici, dopo di ché comincia a fare i soliti discorsi degni del dentista del Maratoneta: non hai risposto alla mia domanda, e non si capisce nemmeno di che xazzo parli. Io penso: ‘qui va a finire che mi bloccano’ e allora sparo l’articolo che ho fatto sotto blocco e che non ho pubblicato perché e solo perché volevo rispettare un blocco che pure non condividevo. Allora inizia la sarabanda a raffica contro il mio operato che sembra chissà che cosa, si censurano dei pezzi tanto per fare vedere chi ce l’ha più grosso; io dico ehy, almeno spiegatemi quali regole di giornalismo ve lo chiedono; e il risultato è un blocco infinito. Ecco come è andata. Tu ovviamente non ti sei fregato, ti sei voltato dall’altra parte perché il metodo ‘come far fuori il Falcone/Borsellino/De Magistris’ di turno funziona sempre come il giochetto tra chi non fa e chi agisce, chi lascia aperta la porta e chi entra con il coltello. Io ritengo che nel settore informazione un tale contegno sia particolarmente spregevole e pericoloso, degno del peggior Berlusconismo, e chiedo di essere sbloccato. Ovviamente è una richiesta a vuoto visto che nella vostra arroganza non ve ne curate. Ma per la vostra arroganza, non perun qualche criterio di giustizia. Sarebbe ora che il web scoprisse appieno le maialate che si è in grado di fare quando si ha il potere e nessun contrappeso per esercitarlo. Su wiki.en almeno ai blocchi ci si può appellare, qui non hai nemmeno la talk attivata e ti costringono al silenzio o a comportarti come un ‘bandito’. Tu nel tuo furore giustizialista anti-Berlusconi, questo come lo chiami? A me sembra roba della stessa pasta, pari pari: avere il potere senza responsabilità e ritegni di sorta se non essere approvati da gruppetti autoreferenziali. Forse la peggiore prospettiva per qualunque riuscita di un gruppo ‘aperto’.

  16. E no caro, non te la cavi così. Le regole per isolare e far fuori qualcuno ‘malvisto’ sono queste, si applicano a me come a Falcone: gli amici ti dicono ‘mi sono esposto troppo per difenderti’ e ti lasciano solo, ti fanno terra bruciata e poi ti fanno ammazzare. Che io sia Falcone o un pincopallino qualunque su di un qualunque posto di lavoro non cambia nulla.

    Ricostruire i fatti è semplice: io mi sono fatto caso che wikinotizie va avanti per merito quasi esclusivo di L.H., e va bene; porto cifre e fatti a sostanziarlo: mi si dice di stare zitto che rompo; dopo 10 giorni torno e rimarco che la situazione è anche peggiorata e chiedo IMPEGNO anche agli admin per rianimare l’Ns0 invece di farlo diventare opera di un solo per quando valido utente possa essere; Tosto Leoman mi mette nei problematici, dopo di ché comincia a fare i soliti discorsi degni del dentista del Maratoneta: non hai risposto alla mia domanda, e non si capisce nemmeno di che xazzo parli. Io penso: ‘qui va a finire che mi bloccano’ e allora sparo l’articolo che ho fatto sotto blocco e che non ho pubblicato perché e solo perché volevo rispettare un blocco che pure non condividevo. Allora inizia la sarabanda a raffica contro il mio operato che sembra chissà che cosa, si censurano dei pezzi tanto per fare vedere chi ce l’ha più grosso; io dico ehy, almeno spiegatemi quali regole di giornalismo ve lo chiedono; e il risultato è un blocco infinito. Ecco come è andata. Tu ovviamente non ti sei fregato, ti sei voltato dall’altra parte perché il metodo ‘come far fuori il Falcone/Borsellino/De Magistris’ di turno funziona sempre come il giochetto tra chi non fa e chi agisce, chi lascia aperta la porta e chi entra con il coltello. Io ritengo che nel settore informazione un tale contegno sia particolarmente spregevole e pericoloso, degno del peggior Berlusconismo, e chiedo di essere sbloccato. Ovviamente è una richiesta a vuoto visto che nella vostra arroganza non ve ne curate. Ma per la vostra arroganza, non perun qualche criterio di giustizia. Sarebbe ora che il web scoprisse appieno le maialate che si è in grado di fare quando si ha il potere e nessun contrappeso per esercitarlo. Su wiki.en almeno ai blocchi ci si può appellare, qui non hai nemmeno la talk attivata e ti costringono al silenzio o a comportarti come un ‘bandito’. Tu nel tuo furore giustizialista anti-Berlusconi, questo come lo chiami? A me sembra roba della stessa pasta, pari pari: avere il potere senza responsabilità e ritegni di sorta se non essere approvati da gruppetti autoreferenziali. Forse la peggiore prospettiva per qualunque riuscita di un gruppo ‘aperto’.

  17. Pingback: Grilloogle « !P
  18. … veramente io mi sono limitata a digitare la lettera B (senza nient’altro) e “beppe grillo” è la quarta possibilità suggerita dall’elenco (preceduto da badoo, better e belen rodriguez), con GR è il primo suggerimento… c’è qualcosa che non capisco?
    ciao

  19. … veramente io mi sono limitata a digitare la lettera B (senza nient’altro) e “beppe grillo” è la quarta possibilità suggerita dall’elenco (preceduto da badoo, better e belen rodriguez), con GR è il primo suggerimento… c’è qualcosa che non capisco?
    ciao

  20. @cm: Ciao, e grazie per essere passata. Se leggi la fine del mio post noterai che già dal 29 dicembre Grillo è “ritornato” fra i suggerimenti di Google Suggest. Questo significa che Google ha corretto l’errore oppure le statistiche si sono aggiornate dopo la probabile valanga di persone che hanno tentato di effettuare la ricerca, facendo apparire Grillo fra i suggerimenti. 😉

  21. @cm: Ciao, e grazie per essere passata. Se leggi la fine del mio post noterai che già dal 29 dicembre Grillo è “ritornato” fra i suggerimenti di Google Suggest. Questo significa che Google ha corretto l’errore oppure le statistiche si sono aggiornate dopo la probabile valanga di persone che hanno tentato di effettuare la ricerca, facendo apparire Grillo fra i suggerimenti. 😉

Comments are closed.