Il modello Crocetta non si può fare: o il Doge o il Pornoduce

Il modello Crocetta di cui si parla in queste ore significa che il M5S comanda e Crocetta rimane al suo posto accontentandosi delle briciole. Crocetta è eletto direttamente, per cui non ha bisogno della fiducia dell’ARS, per cui le cose funzionano. Le cose al governo nazionale funzionano diversamente, visto che il premier e i suoi…

Berlusconi è messo peggio di Prodi

Mi par d’intendere che Berlusconi punti a cercare la fiducia sia al Senato che alla Camera, in modo tale da costringere Napolitano a scioglierne solo una (la Camera, dove Berlusconi non ha più la maggioranza). La legge elettorale Calderoli-Porcellum1 prevede che alla Camera vi sia una maggioranza stratosferica, un quantità di deputati tale che un…

Arroganza al potere

A me sinceramente del fatto che Totò Cuffaro, fresco ricondannato in appello per avere favorito la mafia, lasci le cariche del suo partito (l’UdC) non frega assolutamente nulla. I partiti sono associazioni private, il Senato della Repubblica, in cui Cuffaro siede, è un organo costituzionale della Repubblica italiana, ed è la carica di senatore che…

Le conseguenze delle elezioni anticipate

Da qualche giorno si aggira nelle stanze del Palazzo lo spettro delle elezioni anticipate. L’opposizione debole e gli scandali che coinvolgono Silvio Berlusconi hanno creato spazio, come era prevedibile, all’opposizione interna al Popolo delle Libertà. Berlusconi, in questa situazione, si trova alle corde, e questo spiega sia i violenti attacchi dei suoi giornali e televisioni,…

Informazione scorretta sul referendum, una precisazione

Ho seguito, negli ultimi giorni, due servizi sul referendum elettorale in onda sul TG1, sul TG2 e addirittura su TG Parlamento. Tre servizi incorretti, da precisare per evitare equivoci. Il messaggio che è passato è che i primi due referendum (scheda viola e scheda beige) comporteranno i medesimi effetti sia alla Camera che al Senato,…

L’anomalia dei prezzi del bar del Senato e quelli delle autostrade

La Repubblica ha pubblicato un articolo riguardante una diminuzione dei prezzi alla buvette del Senato: caffè, pasta, panini e altro costeranno di meno. Facciamo qualche paragone, giusto per capire quale sia la differenza in termini di potere d’acquisto: un parlamentare guadagna circa quindicimila euro netti al mese, e con questo ribasso, se acquista, ad esempio,…

Il punto sulla proposta di legge di iniziativa popolare promossa da Beppe Grillo

Con questo articolo ripercorro le tappe finora percorse dalla proposta di legge promossa da Beppe Grillo nel corso di questa legislatura. Tecnicamente si tratta del disegno di legge 3, che titola “Riforma della legge elettorale della Camera e del Senato riguardante i criteri di candidabilità ed eleggibilità, i casi di revoca e decadenza del mandato…