Another “break” in the wall

(da Sciccherie) Vent’anni. Tanto è trascorso dal 9 novembre del 1989. Cadevano ufficialmente divisioni sociali, contrasti politici, tabù. Le macerie del Muro di Berlino portavano via con loro quasi tutti gli screzi del post-conflitto mondiale. L’Unione Sovietica si apriva finalmente al mondo, dopo dispotismi, oscurità, rivoluzioni e domini. E sarebbe durata ancora poco con quel…

Le conseguenze delle elezioni anticipate

Da qualche giorno si aggira nelle stanze del Palazzo lo spettro delle elezioni anticipate. L’opposizione debole e gli scandali che coinvolgono Silvio Berlusconi hanno creato spazio, come era prevedibile, all’opposizione interna al Popolo delle Libertà. Berlusconi, in questa situazione, si trova alle corde, e questo spiega sia i violenti attacchi dei suoi giornali e televisioni,…

[Idee politiche] Quale opposizione

Seconda tranche di idee negative (ovvero esposte in contrapposizione a quelle espresse da Paolo Flores D’Arcais su MicroMega). Stavolta si parla di opposizione (anche se dire che razza di opposizione vogliamo essere mi suona un po’ da perdenti). Ah, casomai non si fosse capito, io sto con Ignazio Marino. Opposizione intransigente e sistematica, senza alcuna…

Che?

A proposito della presa in giro, il TG1 delle 20 ha dato la notizia come quattordicesimo lancio: ALL’AQUILA OGGI CENTINAIA DI ABITANTI HANNO VARCATO SOTTO SCORTA LA ZONA ROSSA DELLA CITTA’. CHIEDONO DI ACCELERARE LE OPERAZIONE DI MESSA IN SICUREZZA DELLE CASE E io che credevo volessero protestare contro un governo e il suo decreto…

Facciamo schifo, ma vinciamo le elezioni, quindi non facciamo schifo

Dopo aver visto Ballarò martedì e Annozero giovedì, entrambi sulle frequentazioni di Silvio Berlusconi e del suo divorzio, mi sono reso contro di due cose: la prima, ovvia, è che con questa manovra sono spariti dall’attenzione vari temi caldi. La seconda è che il centrodestra è terribilmente in difficoltà a causa di questa faccenda. La…

No che il fascismo non è finito

La Repubblica pubblica un’intervista ad Alessandra Mussolini . Qualche estratto e miei personali commenti. Alessandra Mussolini ha appena sentito Caterina Govoni, la madre dei sette fratelli “neri” uccisi nel maggio del 1945. Erano repubblichini. “E questa madre mi ha chiesto: “è possibile che nessuno li ricordi?”” Gentile signora Govoni, i suoi figli stavano con un…