Si sente odore di vendetta, non di giustizia

Dog Looking at and Listening to a Phonograph, "His Master's Voice", The Original RCA Music Puppy Dog Logo Symbol for AdvertisingDella vicenda paradossale di Julian Assange, divenuto ricercato internazionale per un preservativo bucato, ho parlato qui, sottolineando quanto fosse una cosa ridicola1.

Viene fuori che gli USA consigliano alla Svizzera di non dare asilo politico ad un latitante.

A che titolo? Assange è latitante in Svezia, mentre negli USA non ha commesso reato alcuno (e infatti i membri del Congresso statunitense si sono attivati proprio per inventarne uno ad personam).

Ormai accecato dall’ira, l’apparato americano commette autogol clamorosi: con il consiglio alla Svizzera appare evidente che tutta la storia vuole essere utilizzata per vendetta contro un uomo che ha fatto fare una figura barbina agli Stati Uniti.

Se così non fosse, pregherei i diplomatici USA di rivolgere appelli a tutti i Paesi che ospitano latitanti italiani, che hanno commesso reati leggerissimamente più gravi di un profilattico rotto (che so, evasione fiscale, strage… ce ne sono un bel po’, e li vorremmo dietro le sbarre, grazie).

(Ma vedi un po’ tu se devo passare pure per un anti-americano…)

  1. Non rinnego l’idea che non sia un complotto: qualcuno sta semplicemente approfittando di un errore di Assange, tutti e tre i protagonisti della storia, l’australiano e le due donne che l’accusano, erano consenzienti. []
Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

14 Comments

  1. E chi ferma gli stati uniti?

    Purtroppo, questa sarà forse la scusa migliore per mettere filtri e filtrelli, oltrechè controlli e controllori su ogni tipo di collegamento ad internet, come faranno non lo sò, ma il problema soldi non mi pare sia in discussione in mezzo a gente che muore di fame o viene uccisa solo per essersi permessa di pensare diversamente.

    Quanto ad Assange, temo, sarà ucciso sul serio, a dimostrazione che la mafia stà dappertutto, ed uccidere una persona solo per essersi dimostrata al passo coi tempi, è imporre uno status di mafia.

  2. Assange dovrebbe essere premiato con il Pulitzer. Obama, purtroppo, non può fare niente per cambiare un sistema di potere come quello americano, specialmente dopo otto anni di Bush. Del resto gli USA sono la base dei terroristi anti-Castro che hanno anche fatto precipitare un aereo civile cubano. E gli agenti segreti cubani che hanno tentato di snidarli sono stati arrestati per spionaggio e condannati all’ergastolo. Bella roba davvero, da parte di chi si erge a paladino della libertà e della lotta al terrorismo. Nel mentre, è oramai chiaro anche ai ciuchi (ma non ai Frattini dry) che l’Arabia Saudita, che gli americani stanno riempiendo di armi nuovamente, è la fonte primaria di finanziamento ai terroristi islamici. E gli USA, che non si fregano dei crimini di un noto paese democratico del medio oriente, tanto che pongono sempre il veto alle condanne internazionali, si preoccupano di Assange, il famigerato stupratore. Che mondo strano.

  3. il massimo sarebbe che wikileaks mettesse in Rete un piano americano, tipo pagare le due squinzie per dire che Assange le ha violentate (tra l’altro come avrà fatto, se erano due? Le ha legate preventivamente? Boh). E chissà che qualcosa esca fuori davvero?

    1. L’ho spiegato nell’articolo precedente: non si tratta di stupro, ma solo di un incidente di percorso. Le due ragazze erano consenzienti, e a quanto pare se ne sono addirittura vantate sui social network.

      1. Insomma, in definitiva esse accusano Assange di avere fatto una cazzata. Forse dovrebbero fare invece una causa alla fabbrica di profilattici, essa sì pericolosa terrorista internazionale.

          1. Neanche questo è male: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/equitalia-e-rivolta/2139305

            Oggi sento dire al TG, che gli USA hanno rinunciato a dare come pregiudizio alle trattative lo stop ai coloni nei territori occupati. Uno ha commentato: era ora, gli USA (quelli che fanno guerre democratiche a manetta nda) non possono interferire con gli affari di uno Stato sovrano (nda: che però costruisce su territori occupati e come tali, estranei ai suoi confini, e come ‘sovrano’ riceve dagli stessi USA miliardi all’anno in aiuti sennò la sua economia precipita; in cambio prende i segreti militari e industriali americani, e li rivende alla Cina e all’India). Comicità yiddish?

  4. Dai Tooby, non puoi realmente pensare chegli USA siano incazzato dalle rivelazioni di Assange, quando l’intero apparato mediatico è in mano a pochissime persone….

    A me puzza molto il fatto che i Mass media stiano dando così tanta copertura mediatica ad una persona che DOVREBBE DIRE delle cose scomode….. Non dovrebbe essere già finito a faccia in giù in un fiume?

    Per me, Assange è un Gate-keeper del peggior livello. Poi, ogniuno è libero di pensarla come vuole.

    1. >Dai Tooby, non puoi realmente pensare chegli USA siano incazzato dalle rivelazioni di Assange, quando l’intero apparato mediatico è in mano a pochissime persone….

      Non è che lo dico io: ci sono MP americani che ne vogliono la testa e fanno pressioni per farlo chiudere (vedi le varie aziende americane che lo stanno boicottando) e per ottenerne l’estradizione.

      >A me puzza molto il fatto che i Mass media stiano dando così tanta copertura mediatica ad una persona che DOVREBBE DIRE delle cose scomode….. Non dovrebbe essere già finito a faccia in giù in un fiume?

      Invece è tutto come da manuale: le mafie, così come i governi impazziti, uccidono un nemico solo se non è mediaticamente coperto. Assange è diventato una star, e allora non possono farlo semplicemente fuori. Così passano al piano B, quello che da noi si chiama macchina del fango (i media parlano di stupro, ma stupro non è).

      >Per me, Assange è un Gate-keeper del peggior livello.

      Che intendi con gate-keeper?

    1. Articolo ridicolo e scritto male: leggi Paolo Attivissimo, piuttosto, che ha smascherato tutte le puttanate dietro il presunto complotto sull’11 settembre.

      1. “leggi Paolo Attivissimo, piuttosto, che ha smascherato tutte le puttanate dietro il presunto complotto sull’11 settembre. ”

        Guarda, ho letto alcuni libri di Paolo Attvissimo ma non condivido le sue idee sull’ 11/9…….. comunque, questo è un altro discorso, non centra granchè con Assange 🙂

        “Assange è diventato una star, e allora non possono farlo semplicemente fuori. Così passano al piano B, quello che da noi si chiama macchina del fango (i media parlano di stupro, ma stupro non è).”

        Ecco, il centro della questione è proprio questo: perchè Assange è diventato una star? Non certo grazie a Internet, altrimenti non ci sarebbe così tanta gente che ne chiede la liberazione…

        A me questo Puzza. Eccome se Puzza.

        è EVIDENTE l’immensa copertura mediatica che è stata data agli eventi riguardanti WL.

        è EVIDENTE che questa pubblicità cosi immensa (non mi pare che mai uno sconosciuto o una organizzazione praticamente sconosciuta ha ricevuto cosi tante attenzioni) di fatto pone l’accento anche su quello che “rivela” WL

        è EVIDENTE che questo lo sanno pure giornali e tv e chi li conduce (mica ogni volta dobbiamo pensare che sono tutti fessi e quindi)

        è EVIDENTE che chi conduce (se il termine “pilota” non piace) i giornali e le tv vogliono porre l’accento su quello che dice WL (altrimenti tacerebbero)

        è EVIDENTE che l’immensa attenzione mediatica coinvolge un numero enorme di persone e che quindi queste piu o meno leggono WL.

        Data per buona l’EVIDENTE relazione tra il mainstream e governi, ci si dovrebbe cominciare a fare una serie di domande in questi termini:

        PERCHE’ i governi vogliono porre l’accento su quello che dice WL?
        PERCHE’ i governi chiedono la testa si assange quando in realtà lo pubblicizzano?
        PERCHE’ TUTTA QUESTA FARSA?

        PS: Il termine “Gatekeepers” è nato per indicare tutti coloro che spostano l’attenzione delle masse dai problemi reali verso degli arogmenti inutili, che non fanno altro che confondere le acque. Queste persone condividono molte cose con i cosidetti “Pupulisti”.

        Buon Weekend. 😉

        1. > Guarda, ho letto alcuni libri di Paolo Attvissimo ma non condivido le sue idee sull’ 11/9…….. comunque, questo è un altro discorso, non centra granchè con Assange 🙂

          Ma non le condividi perché hai delle prove scientifiche e coerenti che sostengano le tue ipotesi o perché “vai a senso”? No, perché Attivissimo ce le ha. E qua non c’entra il fatto di essere d’accordo o meno: la teoria dell’evoluzione non è un’opinione, una persona sana di mente non può non essere d’accordo (si può non essere d’accordo su certi aspetti, sul fatto che vi siano buchi non ancora spiegati, ma non sul fatto che sia tutto nato in sette giorni). Lo stesso vale per tutto ciò che è dimostrato in modo scientifico, e fra queste cose c’è pure l’11 settembre: nonostante il fascino della teoria del complotto, i complottisti non hanno ancora tirato fuori uno straccio di prova che abbia retto un confronto.

          E questa cosa c’entra eccome nel discorso, per un motivo semplicissimo: i ragionamenti che fai subito dopo rivelano buchi enormi che ignorano i più profondi principi della logica.

          Ad esempio:

          >perchè Assange è diventato una star? Non certo grazie a Internet, altrimenti non ci sarebbe così tanta gente che ne chiede la liberazione…

          L’argomentazione è macroscopicamente fallace: internet è una rete, e per tanto naturalmente in grado di unire molta gente sotto la stessa idea, quindi non è per nulla stupefacente che ci sia tanta gente che chieda la liberazione di Assange.

          Questa non è una cosa inventata con internet: sin da quando l’uomo ha cominciato a creare gruppi e società, le reti sono state in grado di far diventare certe personalità famose e/o potenti. Cos’è un esercito se non una rete? Alessandro Magno sarebbe diventato ciò che è stato senza tale rete? Noi di Voyager pensiamo di no (cit.).

          Internet non fa altro che creare reti globali di dimensioni inimmaginabili e, soprattutto, orizzontali (ci torno fra un attimo).

          Le varie evidenze vengono smentite su un semplice punto: Wikileaks pubblica tutto quello che ha, i giornali che hanno avuto accesso ai cable no. Il NYT, per esempio, ha selezionato solo contenuti interessanti che non mettessero in pericolo la sicurezza nazionale. Fatto questo ha scritto al governo per dire che cosa stava per pubblicare e se ritenesse vi fosse altra roba non pubblicabile. Il governo ha risposto di cancellare anche i cable semplicemente imbarazzanti, ma il NYT ha risposto nisba. La commistione non ce la vedo (se vuoi possiamo discutere sul fatto che dietro Assange possano esservi servizi stranieri, ma che dietro Assange vi siano gli Stati Uniti, perdonami, è una cagata pazzesca, frutto del complottismo più cretino: di tutti i modi possibili per confondere le acque vanno ad utilizzare documenti che li mettono in imbarazzo non solo di per sé, ma pure per il fatto che siano usciti fuori, dimostrando una grande debolezza e un danno d’immagine incomparabile per una grande superpotenza? Per non parlare delle vicende precedenti – i log afghani, il collateral murder…, anche queste cose non sono scomode? – suvvia, siamo seri).

          >PERCHE’ i governi chiedono la testa si assange quando in realtà lo pubblicizzano?

          Perché i governi si sentono lesi e devono reagire per dimostrare che la loro forza e credibilità sono intatte. Se Assange fosse stato un terrorista bombarollo, avrebbero risposto inviando i marines (toh, è quello che è successo con l’11 settembre); dato che Assange è un sempice rompicoglioni mediatico, lo hanno risposto convocando i giornalisti. (Renditene conto: stai cercando una spiegazione contorta ad una situazione molto lineare, dimenticando Occam).

          Sul termine gatekeeper: ti ho chiesto spiegazioni per evitare equivoci. Ora sono piuttosto certo che tu lo abbia usato a sproposito. Il gatekeeper non è Assange, sono i giornali e le tv: sono loro a decidere chi deve conoscere cosa. Infatti, mentre Wikileaks sta pubblicando poco a poco tutti i cable che ha, i giornali, come ho detto sopra, compiono una selezione. Il gate (il cancello) di Wikileaks è spalancato, quello dei giornali, invece, no.

          E qui torniamo a internet: la vicenda di Wikileaks ha dimostrato che Internet è un potentissimo strumento in grado di creare reti orizzontali che non possono essere messe sotto controllo, a differenza delle reti verticali (per la precisione, piramidali) tradizionali: l’esercito di Alessandro Magno era una rete ma con all’interno una gerarchia, dal comandante in capo fino al soldato semplice privo di responsabilità; lo stesso accade con i media tradizionali, dove alla base vi sono i cittadini che assorbono le informazioni, ma non possono rispondere o partecipare.

          Con Wikileaks no, la rete è orizzontale: i cittadini possono usare un motore di ricerca per trovare cablogrammi di proprio interesse, a prescindere da quello che i gatekeeper (i giornali) pubblicano o meno.

          E infine ti faccio la domanda fatidica: i documenti (non solo i cable) stanno rivelando sia cose che già sapevamo che cose che non sapevamo (per certe). Vi sono state cose che fanno veramente sobbalzare dalla sedia e perdere la fiducia nelle istituzioni (è ciò che sta accadendo negli USA, non solo per tali documenti, ma anche e soprattutto per come stanno reagendo, calpestando la Costituzione statunitense e il primo emendamento). Si tratta di effetti potenzialmente devastanti, per cui ti chiedo: che cosa il governo degli Stati Uniti sta nascondendo di tanto terribile da portarlo a distrarre l’opinione pubblica con una bomba che potrebbe distruggere tutto, governo compreso? In altre parole, per difendere cosa il governo si sta suicidando?

          Non te lo chiedo perché credo che tu lo sappia (ci mancherebbe): te lo chiedo per farmi qualche esempio secondo la tua fantasia, per farmi comprendere bene di cosa stiamo parlando. Ad esempio: un enorme asteroide sta per colpire la Terra e gli USA non sanno ancora come fermarlo; sono in atto trattative con potenze aliene che vogliono conquistare la Terra; etc.

          Per cui, usando la fantasia, secondo te, che cosa ci stanno nascondendo?

Comments are closed.