Scene di isteria collettiva internazionale

Nell’ultimo episodio della prima stagione di Blue Mountain State (disponibile in italiano sul sito di MTV, gratis, senza registrazione e senza plugin bacati quali Silverlight e Moonlight1 ) la stella della squadra di football che deve disputare una finale del campionato universitario viene adescata da una cameriera, la quale prima si concede al ragazzo, poi lo accusa di stupro. Il poveraccio viene arrestato e interrogato in modo surreale fino all’alba, in modo che fosse tanto stanco da non potere disputare la partita (che ovviamente verrà persa).

Vedendo questo episodio mi è subito venuta in mente la vicenda di Julian Assange, portavoce di Wikileaks, il quale è stato accusato di non avere usato il preservativo durante un rapporto sessuale con due ragazze2 .

Oggi è ricercato in 188 Paesi. Per un incidente con il preservativo.

Anche assumendo che le ragazze siano in buona fede, appare ovvio che ci sia qualcuno ai piani alti piuttosto incazzato per le notizie che Wikileaks sta pubblicando e che stia facendo pressioni perché questo tizio (Assange) venga arrestato, sia pure per reati lievi (tipo Al Capone e la frode fiscale).

Nella migliore delle ipotesi la caccia all’uomo internazionale è solo uno specchietto per gli allocchi3 : Wikileaks, infatti, sino ad ora non ha fatto altro che rilasciare documenti che comprovano ciò che in molti sospettano da tempo. Non solo il fatto che Berlusconi sia un anziano malato che fa il cane di Putin e viene ritenuto un idiota da mezzo mondo, ma (e non parlo neppure del cablegate) anche che i soldati americani ammazzino gente a caso o che i morti (soprattutto civili) in Afghanistan siano molti di più di quanto i governi (specie USA) abbiano mai dichiarato ufficialmente. Sono cioè tutte cose che si dicevano più o meno apertamente (anche perché i documenti rilasciati non sono top secret, e solo negli USA possono leggerli milioni di persone), Wikileaks ha solo portato le prove.

È quindi semplicemente una questione di immagine che spinge il potere a dare la caccia all’uomo immagine di Wikileaks (uomo immagine di Wikileaks: chiamarlo capo di Wikileaks è una semplificazione giornalistica): Wikileaks ha dimostrato che il potere è debole e bugiardo e ipocrita (anche queste sono cose che già sapevamo, è così da che esiste il potere) mettendolo a nudo? Bene, noi dobbiamo vendicarci acchiappando questo tizio e ristabilire chi è che comanda qui. E siccome in tutti i Paesi occidentali ciò che fa Wikileaks non è neppure tanto illegale, bisogna trovare qualche scappatoia per sbatterli dentro (magari a Guantanamo).

Questo fermerà Wikileaks? Ovviamente no: anche se dovessero arrestare Assange, ci sono molti altri volontari che si occupano del sito, e questi sono anonimi e nascosti; anche se dovessero buttare giù tutto il sito ci vorrebbe poco per ripristinarlo (lo hanno fatto stanotte); anche se dovessero smantellare tutta l’organizzazione, semplicemente qualche altro gruppo ne prenderebbe il posto. L’unica possibilità che hai è staccare tutti i telefoni e smantellare internet. Ma poi al Congresso scorrerebbe il sangue (per farvi un’idea).

E quindi adesso assistiamo a questa simpatica reazione isterica internazionale: certo, una reazione più virile di quella di Frattini, ma ugualmente isterica.

I buoi, però, sono ormai fuori dalla stalla. La rete è sempre un passo avanti al potere, e sarà sempre più difficile sottrarsi al dovere di trasparenza nei confronti dei cittadini.

  1. Sia lodata MTV. []
  2. Più esattamente, secondo la testimonianza di entrambe le ragazze, il rapporto è iniziato in modo consensuale, poi si sarebbe rotto il preservativo; le ragazze hanno chiesto ad Assange di fare i test per le malattie sessualmente trasmissibili e questi avrebbe detto di no []
  3. Sì, ho scritto allocchi. []
Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

8 Comments

  1. Più leggo e sento di wikileaks, commenti negativi e non, più vedo i comportamenti di tutti, e sottolineo tutti, o quasi tutti, gli stati cosiddetti democratici, dimostrare che democrazia alla fine non cè mai stata, o si fà come dicono loro, o si è criminali, anche per un preservativo.

    1. Stiamo entrando in una nuova fase della democrazia, quella in cui la gente è davvero cosciente del proprio potere di rovesciare il malgoverno, è ovvio che ciò a qualcuno faccia paura.

          1. Si potrebbe anche dare una spiegazione fisica come l’Orizzonte degli eventi, e si potrebbe anche dare una spiegazione mitica come la radice dell’arcobaleno e le sue pentole d’oro. Ma io preferisco Matrix. Oppure, pessimisticamente:

            Totò nel deserto:

            ‘ah che bello! Il mare! La spiaggia!’
            ‘Quanta spiaggia’ (corre verso il miraggio)!
            ‘tanta spiaggia!!’
            ‘troppa spiaggia!’
            ‘… tutta spiaggia…’

  2. Wikileaks è come la pillola blu. Benvenuti nella tana del Bianconiglio.

    Giovedì scorso Marco Travaglio ci ha spiegato in sei minuti la storia della Finmeccanica molto meglio di servi come Nativi in anni di pomposi editoriali. Vergognoso, non ho parole migliori.

    Mi preme di ricordare in tal caso anche il caso di Roman Polansky, altro caso ultra-ridicolo, con la giustizia (sic) che perseguita l’ebreo errante per una cosa per la quale pure la sua vittima l’ha perdonato da un pezzo (e non era nemmeno stata violenza, solo sesso con ‘diversamente maggiorenni’ come direbbe Ghedini).

    Poi, la violenza sessuale è diventata una cosa ridicola. Una volta era la donna ad essere sempre e comunque una ‘boddana’. Adesso, basta che dica ‘no’ un momento prima della penetrazione e se non ti fermi ‘la violenti’. Il caso Mike Tyson e D. Washington è esemplare (che ci sarà andata a fare lei in camera sua a mezzanotte? boh). Ma può persino capitare -e’ capitato- che uno si ferma (negli USA), dà un passaggio ad una ragazza, poi questa anziché scendere e ringraziare gli dice ‘o mi dai 100 dollari, o comincio ad urlare che hai cercato di violentarmi e sono cavoli tuoi’.

    Assange, come Polansky, il tizio che dà il passaggio in auto, mr. Toro scatenato (che ebbe una storia con una tizia che dichiarava 21 anni e invece era minorenne) e persino Bill Clinton ( i Repubblicani non chiedevano di meglio e sono le stesse persone alle quali non importa di fare guerre per inesistenti armi di distruzione di massa), è vittima di quest’incredibile pazzia, per la quale -chissà perché- chi accusa ha sempre ragione e chi è accusato ha l’onere della prova di NON avere fatto qualcosa. E dire che da noi italioti, anni fa la corte di cassazione sentenziò che non ci può essere violenza sessuale nel matrimonio (nel senso che è sempre consentito fottere il patner) e che se porti i jeans non ci può essere violenza (all’epoca la Mussolini andò in giro coi jeans assieme alle altre parlamentari per schernire tale sentenza).

    Alla faccia, insomma, della ‘certezza del diritto/pena/giustizia’ o qualunque altra cosa si voglia esprimere quando si parla di queste cose.

    Ma una cosa è certa: cercare di fermare internet è come fare una diga coi stuzzicadenti. Frattini dry e Romani non l’hanno ancora capito, ma non è una sorpresa. Di Pietro sì e non è nemmeno questo una sorpresa, visto che è stato il primo magistrato informatizzato d’Italia (all’epoca c’era l’avvocato Speziali che contestava questi modi ‘inusuali’ di presentazione delle prove in tribunale, scene da antologia).

Comments are closed.