La truffa d’oro

Esiste un articolo della Costituzione italiana (l’81) che dice che se lo Stato vuole spendere, prima deve dire dove prende i soldi.

Ieri il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha promulgato il decreto anti-crisi e emanato il decreto correttivo del dl anti-crisi, che già a sua volta correggeva il pacchetto sicurezza (un bel pasticcio dovuto al fatto che il Parlamento ha le mani legate dalle richieste di fiducia del governo – diciamo che il Parlamento è un ostaggio di Silvio Berlusconi).

C’è una norma in quel dl che prevede che la Banca d’Italia, se è d’accordo, con il beneplacito della Banca Centrale Europea, paghi le tasse sulle plusvalenze, anche non realizzate, sull’oro. Una cosina da 300 milioni di euro.

Due piccole osservazioni: la prima è che Giulio Tremonti, per giustificare la norma, ha populisticamente detto che l’oro appartiene al popolo italiano. Ora, visto che si tassa l’oro del popolo italiano, Tremonti ha di fatto introdotto una nuova tassa a carico nostro, una tassa subdola, nascosta… almeno Romano Prodi era trasparente, ce lo diceva, Tremonti no, ci truffa e basta. Ed è una truffa che pagherà (o meglio pagherebbe) nella stessa misura sia il cittadino ricco che il cittadino povero, perché quell’oro è un bene pubblico.

La seconda osservazione riguarda il fatto che quei 300 milioni non entreranno mai nelle casse dello Stato, perché né la Banca d’Italia né la BCE daranno il loro beneplacito, poiché sarebbe in contrasto con il Trattato europeo, fonte sovraordinata, e che dunque ha la meglio sulle leggi italiane.

E allora perché i nostri eroi hanno introdotto una tassa che non potranno mai riscuotere? Perché in questo modo hanno creato un bonus (fittizio) di 300 milioni di euro che potranno utilizzare a norma dell’articolo 81 della Costituzione italiana.

Solo che loro diranno che i soldi per l’intervento X proverranno dalla tassa sull’oro, ma in realtà quei soldi usciranno fuori da qualche taglio che Tremonti e i suoi fidi collaboratori troveranno nelle pieghe del bilancio dello Stato, che so, la carta igienica nelle scuole, la cancelleria nei tribunali, la benzina nelle auto della polizia e cose così.

Davvero una truffa ingegnosa.

Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9). [jetpack-related-posts]

One Comment

  1. Questi sono pazzi. Di questo passo cosa si inventeranno per far quadrare i conti?

    Chiederanno l'Oro alla Patria? Ordineranno l'estrazione di un dente d'oro dalla bocca di ogni italiano? L'autunno ancora ha tempo ad arrivare, Berlusconi è tutto impegnato a tagliare nastri di opere inutili (l'orrendo spreco delle CASE aquilane, mentre il centro della città sarebbe da ricostruire e nessuno fa niente), Cappellacci ha appena tolto la legge che vincola le costruzioni vicino alle coste (e subito via con gli incendiari..). Il Pd è tutto preso dalle sue beghe congressuali e ha staccato la spina. Per fortuna adesso il Parlamento è andato in vacanza.. ma a settembre ce l'avremo ancora un parlamento? O diverrà una stalla per cavalli imperiali, gestita da un Mangano qualunque?

    Tremonti è inguardabile e un autentico farabutto, ma forse sa che le cose stanno andando male, molto male. Intanto persino la Gelmini si è messa a criticare la mancanza di fondi per la scuola, la Prestigiacomo l'esproprio delle sue competenze (una ministra dell'ambiente della confindustria, sic). E l'Europa ha tirato le orecchie a Tremonti per quest'iniziativa che come dici, sarà anche furba, ma è di una furbizia folle, da ladro di polli. Almeno copiasse Swarzenegger, che per ripianare il debito californiano, adesso vende oggetti firmati.

Comments are closed.