Quel clamoroso errore che offende la bandiera

K2YaURvrPoi96jdhx3oJdztBo1_500

Quello che vedete qui sopra è il nuovo (bleah) logo che dovrebbe rappresentare l’Italia nel mondo (a fini di turismo eccetera).

A parte la bruttezza, c’è un particolare che offende la bandiera (o perlomeno offende me). Come ci insegnano da bambini (o almeno dovrebbero), il verde si colloca vicino all’asta. Se l’asta è posta in posizione orizzontale (per una legge nota come “gravità”, che non mi risulta coperta dal lodo Alfano), è evidente che il verde è il colore più in alto, seguito dal bianco e dal rosso.

Nel logo i colori sono invertiti: quella è la bandiera dell’Ungheria. Magari lo fosse anche il logo…

Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).

16 Comments

  1. @ Andrew: È opera del nostro ministro per il turismo, la rossa Brambilla.

    Sembra l’inizio di un porno anni Ottanta.

  2. @ J B: Per amor di patria, la bruttezza è un problema ulteriore, per quanto mi riguarda.

    Non offende solo gli occhi, ma soprattutto la bandiera.

  3. @ J B: Per amor di patria, la bruttezza è un problema ulteriore, per quanto mi riguarda.

    Non offende solo gli occhi, ma soprattutto la bandiera.

  4. con tutti i grafici che son rimasti senza lavoro per via della crisi (ma prendetela con ottimismo.. mi raccomando..) potevano cercarne uno. cribbio!

  5. con tutti i grafici che son rimasti senza lavoro per via della crisi (ma prendetela con ottimismo.. mi raccomando..) potevano cercarne uno. cribbio!

  6. Quello è evidentemente un aereo stilizzato e dall'ombra anteriore si capisce benissimo che il verde è il primo colore, quello dell'ala sinistra.Ovvero: come l'ideologia può distorcere la realtà.

  7. Quello è evidentemente un aereo stilizzato e dall'ombra anteriore si capisce benissimo che il verde è il primo colore, quello dell'ala sinistra.

    Ovvero: come l'ideologia può distorcere la realtà.

Comments are closed.