Un’Italia multietnica, la nostra scialuppa di salvataggio

Pare che a qualcuno non sia chiaro: la società multietnica è la sola cosa che separa l’Italia in crisi strutturale da quindici anni dall’abisso del declino, dalla retrocessione a Paese del secondo mondo. In Italia c’è un problema cronico: gli italiani (quelli di razza ariana) non fanno figli. E quando li fanno, spesso e volentieri…

2+2=5

Torno a scrivere dopo qualche giorno di astinenza per ovvi motivi. Appena in tempo per leggere una notizia apparentemente di secondo piano, coperta dalle vicende relative al terremoto, all’omicidio di Franco Ambrosio e tanto altro, compresa l’assoluzione di Brawn GP, Williams e Toyota per la presunta irregolarità dei diffusori. Senza escludere l’ennesima lite nella casa…

Abbiamo sbagliato? Gioco il Prolly!

Ancora un caso di “gioco il Prolly”, ovvero scaricare la colpa sul governo Prodi quando non si hanno argomenti per difendere un proprio errore. Il ministro Roberto Calderoli, nella sua opera “falcia-leggi”, ha “cancellato” 79 comuni istituiti prima della nascita della Repubblica. Un deputato UdC se n’è accorto, ha fatto un paio di telefonate, fino…

La Legge è uguale per tutti, ariani compresi (ma è meglio non dirlo in giro)

I soliti giornalai, sovente made in Arcore, scrivono cagate. Ai piani alti si emettono leggi-bomba contro tutti, italiani e non, ma i giornalai le cose le dicono a modo loro, perché non sia mai che il tipico italiano biondo, occhi azzurri, alto e prestante (insomma, un clone di Roberto Calderoli) pensi di essere uguale agli…

Class action rimandata, evasione in aumento del 30%: ecco il governo a difesa del consumatore e del contribuente

Due notizie degli ultimi giorni sono veramente simpatiche, soprattutto per la tendenza che esse evidenziano. La prima è l‘ennesimo rinvio della class action: prevista dalla finanziaria 2007 (governo Prodi), doveva partire il primo luglio 2008, che piacesse o meno a Confindustria; poi al governo ci va Berlusconi, Confindustria ricorda di essere incazzata e si rimanda…

W l’Europa! La solerzia (interessata) di Brunetta

Il MINIstro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, ha preso la palla al balzo: visto che l’Italia è stata obbligata ad adeguare1 l’età di pensionamento delle donne a quella degli uomini, ha deciso di addossarsene il merito, aiutato anche dai giornali che hanno miracolosamente dimenticato la sentenza della CGCE.2 Ora, come ha detto .mau., è una…