Tooby, L'Olandese volante Cerco di dire cose sensate
  • nov
    5

    Campanelli d’allarme: la strana giornata sui mercati azionari

    Autore: Giovanni De Mizio @ToobyTweet

    Mentre Phastidio si occupa dell’obbligazionario, sottolineando che il differenziale con il Bund continua a rimanere alto per i Paesi PIIGS (una delle I è l’Italia), il che significa che il mercato non si fida dell’Italia (almeno quanto non si fida di altri Paesi in dissesto finanziario o quasi), io, che mi occupo dell’azionario, faccio notare che l’indice italiano FTSE MIB ancora ha difficoltà a superare i massimi di agosto 2010, mentre vari altri indici (non PIIGS) in questi giorni sono volati ai massimi da due anni a questa parte.

    A spanne, e solo per rimanere nel 2010, risulta che il Dow Jones Industrial di New York ha guadagnato il 10%, il DAX tedesco il 13%, mentre il FTSE MIB ha perso il 7%.

    Do un’occhiata sul plasmoide Stockquote e mi ritrovo, per la giornata odierna, tedeschi, inglesi e americani che guadagnano intorno allo 0,25%, e Parigi invariata. Milano crolla dell’1,41%, facendo compagnia all’IBEX spagnolo (la S di PIIGS), in rosso per -1,65%. Di solito gli indici si muovono insieme, i colori che vedo su Stockquote sono sempre uguali fra gli europei, o comunque la differenza fra loro è molto bassa: invece stavolta non è così, e la cosa è non poco preoccupante. Sui mercati, infatti, c’è gente che ne capisce, e che è pagata per capirci: mentire o semplicemente non saper leggere le statistiche economiche serve solo a sviare l’attenzione, ma va ricordato che prima o poi la dura realtà calerà la sua falce sulle nostre teste, che Safiria Lecc(h)ese lo voglia o meno. E ancor più preoccupante che il quotidiano economico più importante (a parole) del Paese, il Sole 24 Ore, ha il coraggio di assecondare simili cazzate: scrive che la corsa della CIG si è interrotta rispetto a settembre, ma il raffronto su base mensile è fuffa al 100%, perché non considera la stagionalità. Il confronto va fatto con ottobre 2009, perché rispetto ad allora le ore CIG sono aumentate di quasi 4 milioni, altro che siamo usciti dalla crisi. La corsa della CIG è tutt’altro che finita, e i disoccupati, soprattutto quelli non considerati dalle statistiche continuano ad aumentare. Un mese fa già vaticinavo qualcosa.

    Il problema, comunque, non è che le cose vadano male: è che chi ci governa è convinto che le cose vadano bene (a loro le cose vanno sicuramente bene fra cricche, inciuci, P3 e bunga bunga), e che pertanto non fa ciò che dovrebbe fare (e che probabilmente è incapace di fare).1

    Photo credits | Yahoo! Finance

    1. L’opposizione, invece, sa che le cose vanno male, ma comunque non sa che pesci pigliare. []
    Nelle apposite categorie sono presenti altri post di Economia
    Nessun commento per ora: puoi aggiungere il tuo qui sotto
    Questo blog adotta questa politica per i commenti.

In evidenza

No, per Krugman uscire dall’euro è ancora una catastrofe. Però…

Paul Krugman-press conference Dec 07th, 2008-8

Krugman ha detto che Cipro dovrebbe uscire dall’euro, scatenando l’euforia degli eurofessi (che sono una categoria diversa rispetto agli euroscettici come Krugman) che chiedono l’uscita dalla moneta unica. Peccato che quella sia metà della verità. Continua a leggere »

Ultimi tweet

 

Switch to our mobile site