Tooby, L'Olandese volante Cerco di dire cose sensate
  • ago
    17

    Pensionare anticipatamente Trichet

    Autore: Giovanni De Mizio @ToobyTweet

    Jean-Claude TrichetArticolo aggiornato dopo la pubblicazione

    L’articolo del 5 agosto conteneva previsioni che si stanno rivelando corrette appena 12 giorni dopo. Fra queste ne voglio ricordare due:

    1. La crescita in Europa stava rallentando vistosamente, ma la BCE non ha esitato ad alzare per ben due volte i tassi d’interesse passando da 1% a 1,5%, mossa che avrebbe approfondito il rallentamento e, se va male, ci avrebbe fatto cadere in recessione. Perché l’ha aumentati? Perché la Germania andava veloce come un treno e si temeva il surriscaldamento del nocciolo dell’Unione Europea e chissenefrega se gli altri andavano più a rilento (ripeto: assurdo);
    2. Trichet e soci avevano fatto la stessa stupida mossa nella prima metà del 2008, salvo poi tagliare i tassi e inondare il mercato di liquidità in autunno, in seguito del tracollo di Lehman Brothers (mossa necessaria in quanto quel tracollo, causato in primo luogo non da una crisi di solvibilità – perciò LB aveva rating A – bensì da una crisi di liquidità).

    Gli elementi per pensare a un qualche patatrac in arrivo ci sono tutti, se il copione resterà identico a quello del 2008 come è stato finora, senza contare che la politica europea non appare ancora in grado di risolvere alcunché, e così sarà finché la Germania continuerà a guardare solo al proprio orticello, dimenticando che l’acqua che lo fa crescere proviene da fuori.

    Il fallimento della politica monetaria diventa poi evidente se si nota che la BCE continua a comprare titoli che vengono giudicati poco meno che carta straccia dal mercato: basti pensare che, nonostante lo spread fra BTP/Bund sia crollato in modo artificioso, le assicurazioni contro il fallimento dell’Italia (i CDS) non hanno seguito lo stesso percorso ribassista.

    Adesso è arrivata la tegola del PIL tedesco, in clamorosa contrazione da 1,5% a 0,1% trimestre su trimestre, contro attese dello 0,5%, a testimoniare che Trichet non ne sta azzeccando una.

    Prima se ne va, e meglio è: il costo del denaro va nuovamente ridotto almeno fino all’1% precedente (e non pochi cominciano a chiederne l’azzeramento). Speriamo in Draghi (o almeno che Trichet se ne renda conto) prima del patatrac, e non dopo come nel 2008.

    UPDATE: ho dimenticato di parlare dell’inflazione, che sarebbe il motivo per cui Trichet ha alzato i tassi. Finora non pervenuta da nessuna parte, né in Europa, né nel Regno Unito, né negli USA. L’unica fuori dal parametro del 2% è l’inflazione totale (non core), ma seguire quella comporta cambiare i tassi ogni settimana a seguito delle fluttuazioni del prezzo del petrolio. Il che sarebbe ridicolo. Se non fosse che è realtà.

    Photo credits | Monika Flueckiger, World Economic Forum [CC-BY-SA-2.0], via Wikimedia Commons

    Nelle apposite categorie sono presenti altri post di Economia
    Ci sono 2 risposte a questo articolo
    Questo blog adotta questa politica per i commenti.

In evidenza

No, per Krugman uscire dall’euro è ancora una catastrofe. Però…

Paul Krugman-press conference Dec 07th, 2008-8

Krugman ha detto che Cipro dovrebbe uscire dall’euro, scatenando l’euforia degli eurofessi (che sono una categoria diversa rispetto agli euroscettici come Krugman) che chiedono l’uscita dalla moneta unica. Peccato che quella sia metà della verità. Continua a leggere »

Ultimi tweet

 

Switch to our mobile site