Consigli per un voto informato: matita umettata e niente schede bianche

Articolo aggiornato dopo la pubblicazione

Non ciucciate quella ca**o di matita: al massimo chiedete di verificare che quella ca**o di matita sia indelebile usando un accidenti di foglio e una maledetta gomma.

E aggiungo, non fotografate quella ca**o di scheda elettorale: è VIETATO.

[Testo nascosto perché citato a sproposito]



Un altro consiglio: chi volesse astenersi votando scheda bianca, dovrebbe preferibilmente chiedere al presidente di seggio di non vedersi consegnata la scheda e di verbalizzare di non averla voluta ricevere. Votare scheda bianca significa, infatti, inserire una scheda valida nell’urna che chiunque, complice una “disattenzione”, potrebbe marcare per un partito o per un altro. (Si veda il D.P.R.  361 del 30 marzo 1957).

Spero di avere fatto cosa gradita informandovi di queste cosette. :-)

Se l’articolo ti è piaciuto, puoi incoraggiarmi a scrivere ancora con una donazione, anche piccolissima. Grazie mille in ogni caso per essere arrivato fin quaggiù! Dona con Paypal oppure con Bitcoin (3HwQa8da3UAkidJJsLRfWNTDSncvMHbZt9).