[Pillole di storia italiana] Un 1977 di sangue e devastazioni

Berlinguer ha rinunciato alla rivoluzione? Si direbbe che il 1977 sia la fine di un’era, una svolta epocale, a vedere piccoli segnali, come la fine di Carosello e l’inizio dell’era degli spot come li conosciamo oggi (primo gennaio) o come l’arrivo della televisione a colori (a febbraio con un grosso ritardo, come sappiamo, rendendo le…

La bandiera rossa in cima a Palazzo Madama

È appena terminato il dibattito al Senato sulla mozione di sfiducia, e c’è una cosa che va sottolineata. Ogni senatore del PdL (tranne forse un paio1 ) ha fatto, in modo più o meno esplicito, riferimenti al comunismo, vagheggiando sempre che se Berlusconi dovesse cadere, noi ci ritroveremmo coi carri armati dell’Unione Sovietica in piazza…

[Pillole di storia italiana] Che fantasia, questi italiani: nascono i governi di “non sfiducia”

Le altre pillole sono qui. Il quinto e ultimo governo Moro. La situazione, nel 1976, ricorda molto ciò che sta succedendo a cavallo fra 2010 e 2011. Passate le feste natalizie, il 7 gennaio il PSI annuncia l’uscita dal governo, e il premier Aldo Moro rassegna le dimissioni. Iniziano le consultazioni, ma la DC deve…

[Pillole di storia italiana] Fra compromesso storico e terrorismo

Ti sei perso le altre pillole? Le trovi qui. Il voto ai diciottenni (che favorisce la sinistra). La volta scorsa si parlava della debolezza del governo, ed è proprio questo topic che sarà fondamentale per comprendere gli sviluppi successivi della storia italiana. Nel 1975 l’evento politicamente più importante sono le elezioni amministrative di giugno, cui…

[Pillole di storia italiana] Così l’Italia non può funzionare

I risultati delle elezioni. Il 7 maggio 1972 si tengono le prime elezioni anticipate della storia repubblicana. Si tratta di elezioni abbastanza particolari: la DC guadagna poco meno di mezzo milione di voti, ma neppure un seggio alla Camera rispetto al 1968 (restano 266); il PCI del nuovo segretario Enrico Berlinguer ne guadagna poco più…