Tooby, L'Olandese volante Cerco di dire cose sensate
  • dic
    14

    Sia default, dunque, e che sia lo show del secolo!

    Autore: Giovanni De Mizio @ToobyTweet

    Articolo aggiornato per aggiungere altre caste.

    A che serve il pareggio di bilancio se questo drena il risparmio dei cittadini e non consente lo sviluppo delle infrastrutture?, chiedeva Antonio Sciajola (ministro delle Finanze del regno d’Italia nell’800). Napoletano, Scialoja aveva bene in mente le differenze fra l’allora Regno di Sardegna e quello delle due Sicilie. Nel primo non vi era ossessione per il pareggio di bilancio, la nobiltà era piuttosto borghese, mentre il clero non riuscì a vincere le battaglie contro Cavour per difendere le proprie rendite, mentre il secondo tesaurizzava di continuo il gettito proveniente dagli stremati sudditi proteggendo i privilegi di nobili e clero e investendo solo il surplus; il primo investiva in infrastrutture e costruiva ragnatele di ferrovie e canali per l’agricoltura, il secondo investiva quel surplus di cassa in poche e timide cattedrali nel deserto (avanzatissime cattedrali nel deserto, ma che rimasero meri balocchi di re Bomba), e nella maggior parte del Reame non vi erano neanche le strutture più basilari; e sebbene il Reame fu il pioniere dei treni in Italia, il programma di costruzione di una grande ragnatela di comunicazioni di ferro rimase lettera morta.

    Non stupisce quindi che il Regno di Sardegna diventò Regno d’Italia, mentre il secondo fu conquistato da una banda vestita di rosso guidata da un genio della guerra (poi il Regno d’Italia fece un sacco di cassiate nel Meridione, ma l’argomento del post è un altro).

    Oggi l’Italia non può permettersi i disavanzi piemontesi, perché ha vissuto troppo da cicala, ed è necessario intervenire sul bilancio, anche in modo doloroso. Ma è pure necessario intervenire sulla crescita, perché il dolore sia attenuato da nuovi posti di lavoro e prezzi più efficienti.

    Per fare ciò, molto passa dal taglio della spesa improduttiva e/o esagerata e sulle liberalizzazioni. Ma.

    La casta dei politici afferma di essere povera, nonostante questo eloquentissimo grafico (fateci un poster, degli striscioni, appendetelo al balcone), e rifiuta di tagliare gli stipendi.

    La casta dei politici di seconda linea si oppone in modo ugualmente strenuo al taglio di enti intermedi assurdi, nel tentativo di sfruttare meglio le economie di scala, ad esempio prevedendo (per fare un solo minuscolo esempio) che siano consorzi comunali anche transprovinciali a farsi carico della gestione dei rifiuti (lasciando a Governo e Regioni funzioni di controllo perché non s’infiltri la mafia), e non consorzi provinciali tracciati con riga e compasso su una cartina geografica di chissà quale ufficio lontano dal territorio.

    La casta dei sindacati che spalleggia i pensionati ricchi, ma soprattutto i pensionati futuri prossimi, una generazione che ha campato a debito fino  ad ora, dice no, sacrifici per gli altri, non per noi. Gli altri sarebbero i loro figli, ma mica se ne accorgono.

    La casta del clero dice no al taglio delle agevolazioni fiscali, dell’8 per 1000 eccetera.

    La casta dei tassinari minaccia di bloccare Roma, mentre noi non possiamo minacciare i carri armati.

    La casta dei farmacisti minaccia serrate.

    La casta degli avvocati e dei notai minaccia uno sciopero.

    La casta dei giornali con sette copie stampate per cittadino italiano, sette compie vendute a sette pescivendoli e sette milioni di euro di contributi pubblici minaccia la fine della libertà di stampa, licenziamenti di massa e invasioni aliene se ‘sti contributi vengono tolti. O anche solo rimodulati per evitare di darli ai Lavitola di ‘sta cippa.

    La casta delle mafie minaccia la rivolta sociale attraverso il popolo pecora contro il timidissimo blocco ai contanti. Ragazzi, mi spiegate che accidenti compravate a mille euro in contanti a botta? Un signore alla fermata del tram si lamentava che doveva pagare le sigarette col bancomat. Stavo per sentirmi male: se fumi due pacchetti al giorno e prelevi 1000 una volta ti bastano ti bastano per tre mesi. Se non ti esplodono i polmoni prima. Ora hanno tolto pure il bollo sui piccoli conti correnti e ce ne sono a iosa a zero spese (io pago solo il bollo, e fra poco neppure quello), la finiamo di sparare scemenze? No.

    La casta degli imbecilli che spara cazzate, che dice “dai tagli alla politica si possono ricavare ben due miliardi” e poi progetta di utilizzarli in progetti che assommano a venti miliardi (da qui a pochi anni di miliardi ne serviranno centinaia, nella migliore delle ipotesi, non tutto si può risolvere con l’ICI alla Chiesa e lotta all’evasione, tutta roba che va fatta, certo, ma non basterà se la spesa esploderà come già mostra di voler fare, e soprattutto se non si cresce).

    La casta delle opposizioni dice no perché qui è tutta campagna elettorale e poltrone. Ce lo vedo andare a elezioni, facendo emergere un governo di centrosinistra, fatto per metà di clericali, a mettere l’ICI alla Chiesa; ce lo vedo un governo fatto per un terzo di comunisti e populisti a fare le liberalizzazioni e a fare una riforma delle pensioni che l’assicuri ai giovani di oggi; ce lo vedo un governo siffatto ad affrontare la varie caste italiane che pretendono le banane sulle Alpi; facciamo la patrimoniale pure sui conti correnti, dopo quelle sulla casa, sulle rendite finanziarie e sui beni di lusso varate da Monti? Facciamola, ma se poi le caste (specie quella politica che la patrimoniale ha approvato) ne cannibalizzano il gettito, nel giro di qualche anno saremo di nuovo punto e a capo: è la storia della patrimoniale Amato, roba già vista. Un governo di centrodestra? Peggio mi sento: pare che l’ictus di Bossi sia contagioso.

    [Aggiungete tutte le caste che volete]

    E allora chi paga? Chi casta non è: precari e disoccupati e studenti delle scuole pubbliche, per esempio. Finché non crepano tutti di fame o emigrano.

    Ammettiamo che la manovra sia stata scritta talmente male che c’erano pure errori grammaticali. Il Parlamento poteva migliorarla, invece no: migliora un paio di articoli sempre a fini elettorali, e annacqua tutto il resto, mentre le caste, dentro e fuori il Palazzo, continuano a dire: “sacrifici per tutti, ma non per noi”.

    A questo punto è chiaro che questo Paese di gattopardi è marcio fino al midollo. Monti domattina alle nove vada alle Camere e dica: “oh, tutte ‘ste scemenze le potete fare da soli, non vi serve un tecnico”. Saluta, va al Quirinale e se ne torna a Milano a vedere Roma che brucia. Intanto lo spread sale verticalmente e in tre minuti è già a 1000 e arriva il default, nel modo più spettacolare e improvviso possibile, un terremoto che travolge l’Europa e fa devastazioni in tutto il globo, come è normale e probabile attendersi, vista la dimensione dell’Italia. Perché sia di lezione per il mondo intero, un popolo che non agisce da popolo, ma da banda di caste, affonda in un buco nero.

    Poi le voglio vedere le caste affrontare questa crisi di proporzioni colossali, li voglio vedere i politici quando la folla affamata andrà a mangiare al ristorante di Palazzo Madama; li voglio vedere gli avvocati fare il proprio mestiere quando non ci saranno i giudici né udienze perché non ci sono stipendi né per loro né per i cancellieri, e ammesso che vi siano persone che abbiano di che pagare gli avvocati; li voglio vedere i farmacisti a piazzare i cerotti a 80 euro, pardon a 200 milioni di lire perché si scrive Italia, ma si legge Zimbabwe; li voglio vedere i tassinari guidare su strade sconnesse dall’incuria perché l’ANAS è fallita tre volte di seguito così che ogni tre giorni devono portare l’auto dal meccanico, che gliela sistemerà solo in cambio della prostituzione della moglie del tassinaro medesimo, perché sa che nessuno prende più il taxi, visto per andare a Fiumicino bisogna fare un mutuo solo per pagare la benzina. Mutuo che comunque nessuno ti darebbe, anche perché le banche sono fallite, e di conseguenza le aziende, che hanno licenziato i lavoratori. Li voglio vedere gli indignados contenti perché abbiamo cancellato il debito: abbiamo cancellato pure le pensioni, ma vuoi mettere la soddisfazione? Solo le mafie resisteranno, ma avranno spostato la sede a Berlino, a Parigi, a Londra, perché non c’è più niente da taccheggiare in Italia, al massimo c’è da comprare a prezzi di saldo monumenti con vista casa di Scajola.

    Se nulla di tutto questo cambia (per non dire dell’Europa dei minchioni), nella migliore delle ipotesi andremo avanti qualche altro anno, poi sarà ancora emergenza. Un altro governo tecnico? Avanti un altro po’, e di nuovo emergenza. Le decisioni necessarie rimandate per via di veti incrociati prima per secoli, poi per decenni, poi per anni e poi per mesi (tipo i tagli agli stipendi dei parlamentari, per esempio) prima o poi faranno sentire la propria mancanza e sarà implosione.

    E allora perché andare avanti? O le caste si rendono conto del gioco cui stanno giocando, arroccandosi contro riforme che nel lungo periodo daranno beneficio anche a loro oppure rendiamoci conto che questo Paese non si può salvare, si stacchi la spina e sia default.

    Lo spread sta già scontando questi timori, a prescindere dal roll over. Io l’avevo detto: Monti può aiutare, e lo spread è sceso fortissimamente. Ma non può fare miracoli. E a questo punto serve un miracolo, come un popolo che minacci le caste, tutte, non solo una. Che se le farmacie fanno serrate le riapra; che se i tassinari bloccano Roma, il popolo incazzato rovesci le loro auto perché possano passare i tram. Ma in un Paese dove la maggioranza della gente appartiene a qualche tipo di casta, dove vogliamo avviarci? Il meglio che può avvenire è una lotta fra bande di caste per difendere i propri privilegi contro gli altri, per avere la razione maggiore di quel poco di carne rimasta all’osso dell’Italia.

    Voi dite che esagero? Intanto io penso al worst case scenario, che diventa sempre più probabile. Poi se riusciremo ad agonizzare più a lungo del previsto, tanto di guadagnato.

    Nelle apposite categorie sono presenti altri post di Politica
    Ci sono 15 risposte a questo articolo
    Questo blog adotta questa politica per i commenti.
  • Anonimo

    worst case scenario da manuale, ma il regno delle due sicilie non era messo cosi’ male come la vulgata piemontese (classico esmpio di storia scritta dai vincitori) ha voluto

  • Anonimo

    c’e’ anche da dire che uno le barricate contro i tassisti e i boicottaggi ai farmacisti li farebbe piu’  volentieri se contestualmente sapesse che il governo non intende regalare le frequenze..

  • marco secondini

    non esageri affatto a descrivere questo ormai ex paese forte in una combiccola di gruppi di malviventi (le caste) che si arroccano per difendere i propri privilegi…
    una sola cosa per me hai sbagliato: le caste dei potenti non hanno paura di danneggiare i figli, perchè i figli prenderanno il posto dei padri quando questi andranno in pensione.
    a perdere sono sempre coloro che non hanno un padre che li possa inserire in posti privilegiati, che nonostante tutti i loro sforzi si vedono sempre superare da qualche raccomandato e rimangono precari a vita, senza diritti e senza futuro…
    questi pagano più di tutti, ma nessuno li ascolta perchè nessuno li rappresenta, e se per caso poi scoppia qualche disordine giù tutti a condannare i giovani perchè la violenza non serve…
    in questi casi un bel vaff#[]#@ ci sta tutto!!!

  • http://blog.tooby.name Tooby

    Anche se i figli della casta si fanno casta, qui siamo ridotti all’osso. I figli della casta si possono, al massimo, divorare fra di loro, spostando il problema sui nipoti della casta. Ma la final destination è la medesima.

  • http://blog.tooby.name Tooby

    Io ho un articolo in bozza da anni volto a smontare questa cosa della vulgata piemontese che distrugge le speranza di un Paese ricchissimo. Ripeto, il regno era ricco, ma solo nei forzieri di re Bomba, mentre le industrie erano avanzatissimi semi piantati nel deserto.

    Il Regno d’Italia spazzò via tutto, non c’è dubbio, ma il Reame non era tutta ‘sta felicità. Fuori da Napoli che viveva d’elemosine e un po’ di Sicilia grazie al passaggio degli inglesi, era fame nera.

  • http://blog.tooby.name Tooby

    Sì, non ci piove, non ho elencato tutto perché un po’ mi sono rotto di ripetere sempre le stesse cose.

  • Lineagoticafight

    forse un giorno gli italiani si sveglieranno. ma potrebbe essere tardi. o, probabilmente, lo è già

  • http://blog.tooby.name Tooby

    >Premetto che tutti i link per i contatti sono incompleti o non funzionanti. Voglio pensare che sia un caso.

    Stranamente nella pagina “contatti” http://blog.tooby.name/contatti/ non ci sono link, solo indirizzi email; nella colonna a destra ci sono pure diversi social network dove rispondo a tutti coloro che mi contattano. E visto che vengo continuamente contattato da molti lettori, credo che il problema sia tu.

    >Bufale, solo bufale. Giochini, trucchetti, spread, invenzioni cretine.

    Immagino che l’ignoranza possa mostrarsi anche nella forma dell’ossessione e della persecuzione.

    >Fino a tre mesi fa lo spread non esisteva neppure, non era mai stato nominato.

    Il fatto che tu non conosca qualcosa non significa che non esiste.

    >Ora, in pochi giorni…

    Veramente è più di un anno. Vedi, per esempio, http://blog.tooby.name/2010/11/10/differenziale-btp-bund-sechi-ballaro/ (11 novembre 2010)

    >…è diventato lo spauracchio mondiale, con una manovra assurda e inconcepibile sembrava destinato a sgonfiarsi – questo “terribile bubbone inesistente” – poi dopo due giorni è ritornato e le borse sono tornate giù.

    Il problema è, nuovamente, la tua ignoranza in materia economica. L’andamento dello spread, per chi sa e per chi s’informa senza pregiudizi, non sta per nulla sorprendendo.

    >A proposito di caste, le mille buffonate inventate dagli economisti in questi anni di finanza creativa e che sono la prima causa, insieme al terrorismo, della crisi mondiale di questi ultimi dieci anni, sono ormai le protagoniste di questa ennesima truffa che con la scusa del default si arroga il diritto di peggiorare le cose.

    Se studiassi, sapresti che, più che colpa degli economisti, la colpa è dei fisici e dei matematici applicati all’economia e alla finanza (senza però conoscere i concetti economici e finanziari e di base) che hanno ritenuto di poter rendere la finanza una scienza esatta. Si chiama finanza quantitativa, elegantissime formule di minimizzazione del rischio e massimizzazione del profitto (quelle che hanno generato i “titoli tossici”), che però dimenticavano nelle loro formule una dose fondamentale di una dote che agli economisti non deve mancare: il buonsenso della pragmaticità. Per questo i CDO e gli MBS sono collassati.

    Di nuovo, se studiassi noteresti che la colpa sono i fortissimi squilibri fra Stati e negli Stati, e qui la colpa è della politica, non degli economisti (nel precedente governo neppure un ministro aveva una laurea in economia).

    >E’ come un rapinatore che dice “la borsa o la vita”… uguale uguale.
    Se non vi bevete questo veleno vi spariamo in bocca.

    Quale veleno? Io non sono dalla parte del default in quanto tale, perché ben mi rendo conto del gravissimo problema sociale per le classi più deboli, e nell’articolo ciò è ben esplicitato. L’hai letto l’articolo o ti sei fermato al titolo? Avresti evitato una grossa figura di m.

    >Sarà possibile sostenere l’impossibile, cioè che aumentando l’età delle pensioni vi sia un vantaggio per i giovani?? (ma più tardi escono gli adulti, più tardi entreranno i giovani, no? – bisogna essere laureati alla bocconi per arrivarci????).

    No, bello di zio, se fosse così andremmo tutti in pensione a 40 anni per fare posto ai giovani. Di nuovo, studia prima di parlare: questa cosa è una leggenda metropolitana creata per i boccaloni come te. Questo esempio dovresti riuscire a capirlo pure tu:

    Il nostro sistema pensionistico è a ripartizione, ovvero chi lavora paga la pensione a chi smette. Immaginiamo che oggi lavorano in 100 e in pensione ce ne siano 100. Un lavoratore va in pensione e viene sostituito da un giovane, ovvero ci sono 100 lavoratori che pagano la pensione a 101 pensionati. Se prima ogni lavoratore pagava la pensione di un pensionato, adesso il sistema non regge più: o tagliamo lo stipendio ai lavoratori o tagliamo le pensioni ai pensionati. Un’alternativa c’è: ed è creare nuovi posti di lavoro, non sostituire i vecchi, perché il sistema non regge.

    Inoltre sta per andare in pensione una generazione numerosissima. Già oggi ci sono 17 milioni di pensionati contro 23 milioni di lavoratori, un rapporto di 0,74 a 1, e il sistema pensionistico è già gonfiatissimo. Dato che, fortunatamente, gli anziani non muoiono più così spesso, visto che si mangia meglio, ci sono sempre più farmaci contro le malattie, eccetera, il rapporto è destinato ad ingigantirsi fino a 1 pensionato ogni lavoratore, ovvero si rischia di arrivare all’estremo in cui neppure in una condizione di piena occupazione si riescono a pagare le pensioni. Le proiezioni demografiche mostrano che entro trent’anni la popolazione over 65 sarà il 35% della popolazione totale, mentre la popolazione in età lavorativa (15-64) sarà di poco superiore.

    Non serve essere laureati in Bocconi per arrivarci. Basta non essere dei banana.

    Leggi http://blog.tooby.name/2011/12/09/la-generazione-chiagne-e-fotte-andra-peggio-prima-di-andare-peggio/ e http://blog.tooby.name/2011/12/13/il-professore-universitario-che-sbaglia-la-matematica-elementare-delle-pensioni/ per maggiori dettagli.

    >Quanto alla bbattuta sui mille euro in contanti è evidentemente una cretinata.
    Non si tratta dei pagamenti tout court, ma della tracciabilità dei movimenti contabili. Che senso ha controllarli sui pensionati se questi sono già ampiamente tracciati se non per assoggettarli a nuove imposizioni?

    Di nuovo, questa è mania di persecuzione. La manovra non ce l’ha coi pensionati, ma con chi evade. Non puoi dire “questa norma non si applica ai pensionati”, perché gli evasori la userebbero per evitare la tracciabilità usando dei pensionati come prestanome. Studia, bimbo, o almeno ragiona.

    >Chi ci guadagna da questa manovra?
    >GRANDI IMPRESE
    >MANAGER
    >BANCHE

    Hai dimenticato gli ALIENI!1!!1!!ONE1!!!!

    >C’E’ ALTRO DA AGGIUNGERE???????

    Sì, che fra una sonata di piffero e l’altra, conviene studiare qualcosa di economia prima di sparare alzo zero; certe figuracce sono fortemente evitabili, lo dico per te.

  • Anonimo

    lungi da me simpatie per franceschiello e compagnia (anche se quello spot che gira adesso in tv “nel tuo futuro c’e’ caffe’ borbone” ha un che di sinistra profezia) sarebbe interessante comparare lo stato dell’industrializzazione del regno borbonico con altri paesi di quell’estensione (il regno era molto piu’ grande del dominio sabaudo) nel 1860. Non sono affatto sicuro che risulterebbe tra i piu’ arretrati.

  • Anonimo

    booom! asta vera a quanto pare..
    e a giudicare dagli altri odg (spese notarili a carico banche, ici alla chiesa) sembra che al posto dei parlamentari oggi alla camera siedano rappresentanti delle farc

  • Anonimo

    a ben vedere, gli avanzatissimi semi piantati nel deserto sarebbero piaciuti molto a organski

  • Pingback: Il problema siamo noi, non i mercati | Tooby, L'Olandese volante

  • http://blog.tooby.name Tooby

    L’avanzamento del regno sabaudo (e del Nord in generale) si può a mio avviso ben intuire dalla facilità con cui Cavour restrinse il suffragio censitario in modo che potessero votare quasi solo i settentrionali. Un sistema economico avanzato ha poco da spartire con la ricchezza in mano a pochi, come era nel Reame.

    Aggiungi che il potere rimaneva saldamente in mano all’aristocrazia terriera e ai gattopardi (i ministri di Francesco avevano intorno agli ottant’anni), che ben poco interesse avevano ad ammodernare le colture allo stesso modo che, ormai da secoli, aveva fatto la fortuna dell’Inghilterra. Sicché, essendo il mercato interno debolissimo perché i grandi proprietari terrieri avevano imposto un modello di sviluppo coloniale (cioè sulla rapina degli operai), si esportava molto e si ricevevano in cambio prodotti lavorati.

    Tutto queste condizioni, com’è facile intuire, non contribuiscono alla nascita di un capitale diffuso, che rimase confinato (d’importazione, tra l’altro) in poche piazze (tipo Napoli e Palermo).

  • http://blog.tooby.name Tooby

    (E dire che la prima cattedra di economia d’Europa fu a Napoli…)

  • Pingback: L’insana arte di perdere il Paese pur di vincere le elezioni | Tooby, L'Olandese volante

In evidenza

No, per Krugman uscire dall’euro è ancora una catastrofe. Però…

Paul Krugman-press conference Dec 07th, 2008-8

Krugman ha detto che Cipro dovrebbe uscire dall’euro, scatenando l’euforia degli eurofessi (che sono una categoria diversa rispetto agli euroscettici come Krugman) che chiedono l’uscita dalla moneta unica. Peccato che quella sia metà della verità. Continua a leggere »

Ultimi tweet

 

Switch to our mobile site