Il sindacato funziona. E io sono Napoleone

Braine-L'Alleud - Butte du Lion dite de WaterlooSappiamo che in Italia la maggioranza (circa la metà) degli iscritti al sindacato sono i pensionati, mentre i precari sono intorno all’1% degli iscritti. C’è chi accusa i sindacati di difendere solo i pensionati e poco altro, anche se a parole i leader delle confederazioni ricordano spesso la tragedia dei precari, dei disoccupati, eccetera.

Ebbene, è un’accusa profondamente ingiusta: i sindacati hanno sempre fatto gli interessi di tutti, iscritti e non. E due esempi lo dimostrano.

Maroni fece due riforme quando era ministro del welfare: una è la riforma Maroni sulle pensioni, l’altra è la legge Maroni, erroneamente detta legge Biagi, sul lavoro.

Ebbene, quando Maroni fece la prima riforma, il sindacato scese in piazza e costrinse Maroni a togliere di mezzo lo scalone sulle pensioni (il che oggi ha costretto il governo Monti a mettere un megascalone, ma è un’altra storia). Il sindacato ha funzionato.

Quanto alla seconda riforma, la forza del sindacato nel contrastare delle norme che creavano nuovi schiavi legalizzati è stata talmente potente che oggi in Italia non solo non ci sono precari, ma neppure cassintegrati e disoccupati. Il sindacato ha funzionato ancora.

Avanti miei prodi, austriaci e prussiani ci aspettano a Waterloo: la vittoria è già nostra.

[Per chi non coglie il sarcasmo: a parole il sindacato difende tutti, ma nei fatti no; per quanto detto ieri, uno dei maggiori problemi di questo Paese è la forte iniquità della distribuzione dei carichi fra giovani e giovani adulti da un lato e vecchi adulti e pensionati dall’altro, che si risolve inevitabilmente con un problema di scelta fra i primi e i secondi. Quando tocca al sindacato scegliere se difendere i giovani (non iscritti) e adulti e pensionati (iscritti) la scelta è ovvia: è la democrazia, baby. Per cui quando la Camusso (e gli altri) saliranno sul palco di qualche manifestazione, diranno di difendere i giovani, ma quando siederanno al tavolo con Monti, Passera e Fornero, chiederanno garanzie in primo luogo sulle pensioni. E non è malignità: come scrivevo poco fa su Facebook, ci sarà il solito scontro fra caste (proprie, come la lobby degli avvocati che domina il Parlamento, e meno proprie, come i sindacati) come c’è stato negli ultimi quarant’anni, la celebre "concertazione”, e non vedo per quale motivo l’esito della disputa oggi dovrebbe essere diverso da quello degli ultimi decenni (con la sola differenza, non da poco, che negli anni Settanta i sindacati erano pieni di giovani lavoratori, mentre oggi sono pieni di pensionati, e insisto, non è differenza da poco). In altre parole non vedo perché le caste non dovrebbero giungere a un accordo con reciproche concessioni, facendo pagare, come al solito, a chi da quelle caste non è rappresentato (precari e disoccupati in primis, ma non solo)]

Photo credits | Jean-Pol GRANDMONT (Opera propria) [CC-BY-SA-3.0, GFDL o CC-BY-3.0] href="https://commons.wikimedia.org/wiki/File%3ABraine-L%27Alleud_-_Butte_du_Lion_dite_de_Waterloo.jpg">attraverso Wikimedia Commons