Tooby, L'Olandese volante Cerco di dire cose sensate
  • dic
    13

    La bandiera rossa in cima a Palazzo Madama

    Autore: Giovanni De Mizio @ToobyTweet

    È appena terminato il dibattito al Senato sulla mozione di sfiducia, e c’è una cosa che va sottolineata.

    Ogni senatore del PdL (tranne forse un paio1 ) ha fatto, in modo più o meno esplicito, riferimenti al comunismo, vagheggiando sempre che se Berlusconi dovesse cadere, noi ci ritroveremmo coi carri armati dell’Unione Sovietica in piazza del Quirinale.

    Ovviamente lo ha ripetuto anche Berlusconi stesso nel corso della sua replica.

    Non servirebbe neanche ricordare, come abbiamo visto ieri, che sono 35 anni che la sinistra (ovvero il PCI) non mette in discussione l’alleanza atlantica. E che risale a trenta anni fa (1981, lo vedremo fra qualche settimana nelle pillole) lo strappo da Mosca2 che fece Berlinguer a seguito della crisi polacca che aprì la strada verso la (mai compiuta3 transizione del PCI in un partito socialdemocratico.

    Gli svarioni storici espressi dagli esponenti del PdL sono tanti e non vale neanche la pena di ricordarli. Però sarei felice se parte dei soldi pubblici che vengono girati per il funzionamento del Senato venissero utilizzati per organizzare un corso di storia italiana.

    Chissà che così non si riesca a cancellare l’illusione di essere entrati in una Seconda Repubblica. Le scene cui stiamo assistendo non solo oggi, bensì da mesi sono da Prima Repubblica e Berlusconi, governando ormai da dieci anni (tranne due), ne è uno degli indiscutibili protagonisti.

    1. Tipo Pera, che però ha sbagliato le addizioni. []
    2. Non fu un vero e proprio strappo, in verità: l’allontanamento fu lento, ma progressivo e costante. []
    3. Da vent’anni PDS-DS-PD non è né carne né pesce, ma certamente non è mai stato comunista, basti pensare a D’Alema (e questo, paradossalmente, l’ha sottolineato proprio Pera. ) []
    Nelle apposite categorie sono presenti altri post di Politica
    Questo articolo ha un commento: puoi partecipare alla discussione qui sotto
    Questo blog adotta questa politica per i commenti.
  • Istvan

    Che poi la cosa singolare è che Berlusca è amico di dittatori STALINISTI come Lukashenko, per non dire di Putin e di altri dittatorelli ex-sovietici. Anzi, egli stesso è un personaggio dall’impostazione tipicamente stalinista. Ma che vogliamo pretendere, da un Paese in cui succede che Bersani, ‘comunista’ (sic) è ospite d’onore ai meeting di CL a Rimini? Qui va a finire che la sinistra è di destra, e la destra è stalinista. Forse Gasparri non lo sa, ma è probabile che quasi tutti i parlamentari sappiano benissimo che le cose stanno così. Ma cercano di darla a bere agli italioti alla TV. Forse sarebbe il caso, da parte dei piddini, di farli loro i corsi di cosa è comunista e cosa non lo è. E Menzognini dovrebbe curarsi di raccontare che no, l’URSS è finita lustri fa e ad Est adesso c’é solo qualche dittatura stalinista, una mafiocrazia (Russia) e una dittatura turbo-capitalista (Cina).

In evidenza

No, per Krugman uscire dall’euro è ancora una catastrofe. Però…

Paul Krugman-press conference Dec 07th, 2008-8

Krugman ha detto che Cipro dovrebbe uscire dall’euro, scatenando l’euforia degli eurofessi (che sono una categoria diversa rispetto agli euroscettici come Krugman) che chiedono l’uscita dalla moneta unica. Peccato che quella sia metà della verità. Continua a leggere »

Ultimi tweet

 

Switch to our mobile site