Tooby, L'Olandese volante Cerco di dire cose sensate
  • mar
    10

    La crisi non esiste. Io, per esempio, ho appena incassato un maxidividendo

    Autore: Giovanni De Mizio @ToobyTweet

    Silvio Berlusconi si è messo in tasca all’inizio di quest’anno un assegno da 159 milioni, 335 mila, 953 euro e 92 centesimi. Una maxi-somma rara anche per gli imprenditori. Ma soprattutto superiore di oltre la metà ai 102 milioni che il presidente del Consiglio e indirettamente principale azionista del gruppo Fininvest-Mediaset si era messo in tasca solo un anno fa. Si tratta dei dividendi che gli hanno erogato le quattro società direttamente controllate, le holding prima, seconda, terza e ottava che controllano la maggioranza del capitale del gruppo Fininvest. Berlusconi è fra i pochi, pochissimi imprenditori italiani a essere diventato più ricco proprio nell’anno orribile della crisi finanziaria internazionale

    Evidentemente questa faccenda influisce sull’umore di Berlusconi: la crisi, per lui, non esiste.

    La manovra, però, è molto strana: non c’è dubbio che anche le imprese di famiglia verranno colpite dalla crisi economica. Perché, invece di sostenerle lasciando il denaro a disposizione, Berlusconi ha ritirato tutti i dividendi possibili e immaginabili? In altre parole, a cosa serviranno tutti quei soldi a Berlusconi?

    E poi, chi ha corrotto David Mills?

    via | Berlusconi batte la crisi – PRIMO PIANO – ItaliaOggi

    Nelle apposite categorie sono presenti altri post di Politica
    Nessun commento per ora: puoi aggiungere il tuo qui sotto
    Questo blog adotta questa politica per i commenti.

In evidenza

No, per Krugman uscire dall’euro è ancora una catastrofe. Però…

Paul Krugman-press conference Dec 07th, 2008-8

Krugman ha detto che Cipro dovrebbe uscire dall’euro, scatenando l’euforia degli eurofessi (che sono una categoria diversa rispetto agli euroscettici come Krugman) che chiedono l’uscita dalla moneta unica. Peccato che quella sia metà della verità. Continua a leggere »

Ultimi tweet

 

Switch to our mobile site